Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 19 agosto 2019

  • MP News
  • Cinema e Teatro

TEATRO - “L’EREDITÀ DI ESZTER”

Sul palco l’amore raccontato senza ipocrisie. Gli amori infelici non finiscono mai

17.10.2014 - Francesca Marchionne



DOPPIATRACCIA: LA DOPPIA VITA… DI CRISTINA.

Un caso fuori dai cliché, poiché non ha ricevuto una formazione nel settore a partire...
Leggi l'articolo

TEATRO - "Signori... le paté de la Maison"

Il controverso spettacolo chiude la stagione del Teatro Brancaccio di Roma riscuotendo un discreto successo
Leggi l'articolo

TEATRO - "Ivan e il diavolo: il mistero del doppio nei Fratelli Karamazov"

Al Teatro Belli di Roma, fino al 25 maggio 2014, in scena un insolito Lucifero alle prese con i reumatismi
Leggi l'articolo

L'eredità di Eszter

Al Teatro Due Roma è in scena dal 14 al 19 ottobre 2014 uno degli spettacoli più apprezzati della rassegna al femminile Sguardi S-Velati: "L'eredità di Eszter", dal romanzo del '39 dell'ungherese Sándor Márai, con Cloris Brosca, che ne ha curato la riduzione e la regia e Cristina Liberati.

IN AMORE TUTTO È CONCESSO - La padrona Eszter e la serva Nunu, ormai alla soglia della vecchiaia, si tengono compagnia mantenendo vivi i ricordi e la passione del grande amore di Eszter: Lajos, un giovanotto scapestrato, inguaribile canaglia, entrato a far parte della famiglia dopo averla corteggiata salvo finirne per sposarne la sorella. Lajos, dopo essere rimasto vedovo con due figli, ogni vent'anni va a trovare Eszter nella casa di famiglia portandole via, prima l'eredità del padre, in seguito la casa con il giardino dove la donna ha potuto vivere tranquillamente e modestamente con la domestica. La donna, nonostante sia consapevole dei raggiri ingannevoli di cui si serve Lajos per privarla dei suoi beni materiali e che una volta lasciata la casa si ritroverà per strada con Nunu, cede, con la volontà di rendere vivo e autentico l'ideale d'amore che la culla da anni, aggrappandosi all'idea di un uomo che non c'è mai stato.

GLI OPPOSTI SI ATTRAGGONO - Uno scontro di proiezioni e sentimenti dove ogni personaggio crea una giustificazione per le proprie azioni. Lajos, un buono annulla di grande abilità dialettica che ha vissuto a ridosso degli altri nel corso degli anni, accusa Eszter di non essere stata la sua ancora di salvezza e di non averlo amato col coraggio e la forza che contraddistingue, a suo dire, il genere femminile. Di tutta risposta, Eszter, derubata di beni e amore, gli rimprovera di averla illusa scegliendo un matrimonio effimero e infelice con l'odiata sorella Vilma. Eppure, nonostante questo, i due protagonisti rimangono attratti l'uno dall'altro, come due poli della stessa calamita.

FAVOLA - Le interpreti incantano con la loro capacità di raccontare una favola con energia, trasporto e una straordinaria abilità interpretativa che consente loro di rendere vivi i tanti personaggi del romanzo. L'eredità lasciataci dalla protagonista non è l'attaccamento materiale, ma la vitalità e la forza di un sentimento capace di essere l'unica boccata d'ossigeno e l'unico spiraglio nella sua vita: avere fiducia nell'altro.

PRODUZIONE -  Teatro dell'albero di San Lorenzo al mare
RIDUZIONE E REGIA -  Cloris Broca
CAST -  Cloris Broca e Cristina Liberati
COSTUMI E SCENOGRAFIA - Carlo Senesi
PROGETTO LUCI - Giovanna Venzi


Teatro Due
Vicolo dei due macelli 37-Roma

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.