Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 23 agosto 2019

  • MP News
  • Cinema e Teatro

Recensione Film: Lussuria - Seduzione e Tradimento

25.12.2007 - Alessandro Pangallo



APPUNTAMENTI - Al Teatro di Ostia Antica va in scena Albertazzi

"Le Memorie di Adriano" concluderanno la rassegna estiva
Leggi l'articolo

TEATRO - A Roma il Gran Premio 2.0 - Teatro da condividere

Il 18 giugno 2015 alle ore 21 presso la Sala Teatro GP2 cinque compagnie si contenderanno la palma del miglior corto...
Leggi l'articolo

TEATRO - "LETTERA DI UNA SCONOSCIUTA"

Al Doppio Teatro la storia di un amore alla ricerca della propira identità
Leggi l'articolo

Titolo: Lussuria - Seduzione e Tradimento
Regia: Ang Lee
Cast: Tony Leung, Chiu Wai, Wei Tang, Joan Chen
IMDB:
81/100
Voto: 79/100
A distanza di due anni da Brokeback Mountain, Ang Lee torna sui grandi schermi con una nuova e controversa storia d'amore: lasciati da parte cowboys e rodei, a fare da sfondo alle vicende narrate in questa pellicola è di nuovo la Cina, anche se questa volta non è la Cina medievaleggiante della Tigre e il Dragone, bensì quella del 1941, occupata militarmente dai Giapponesi e in cui la resistenza patriottica era ben lungi dal mietere i primi importanti successi.
In questo sfondo storico si muove la protagonista Wong Chia Chi, una timida studentessa universitaria che viene convinta dagli attori della compagnia in cui recita a abbracciare le idee rivoluzionarie di liberazione cinese. L'obiettivo dei giovani rivoluzionari è Mr. Yee, uno dei leader di supporto al governo giapponese: Wong Chia Chi vestirà i panni borghesi della signora Mak, al fine di riuscire a sedurre Mr. Yee e carpirne il maggior numero possibile di informazioni utili alla resistenza (si sa, le spie migliori sono sempre quelle in gradi di infilarsi tra le lenzuola degli uomini di potere).
La relazione tra Wong Chia Chi e Mr. Yee è sicuramente il piatto forte del film: al di là delle (numerose) scene di sesso che coinvolgono i due, è interessante per lo spettatore vedere l'evolversi del loro "menage". La bravura della protagonista femminile riesce a confondere continuamente lo spettatore, il quale non è mai in grado di comprendere i sentimenti di Wong verso il signor Yee fino all'ultima scena. Magistrale, da questo punto di vista, la regia di Ang Lee, che grazie a delle inquadrature curatissime riesce a carpire delle espressioni che valgono più di mille parole.
Concludendo, questo film farà di certo la felicità di tutti coloro che amano il cinema "vecchia scuola", di cui Ang Lee è sicuramente uno dei maestri. Non è comunque un film da andare a vedere a cuor leggero, soprattutto a causa della lunga durata (oltre due ore e mezza). Insomma, è un film impegnativo, che ha bisogno di un'elevata concentrazione e che piacerà sicuramente a coloro che sono in grado di comprendere le complesse tecniche cinematografiche utilizzate da Lee, autore di un montaggio da antologia.
Insomma, questo Lussuria si colloca una spanna sopra a La Tigre e il Dragone, mentre la vostra preferenza per questo film rispetto a Brokeback Mountain può nascere da elementi soggettivi: se la vostra attenzione è focalizzata sui contenuti, potreste ancora preferire la storia d'amore dei due cowboys, ma se siete dei cultori dei virtuosismi tecnici che compongono un film questa pellicola ha dalla sua una storia che procede in modo davvero imprevedibile e una regia da applausi.



BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.