Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 31 marzo 2020

  • MP News
  • Cultura

Cutting Edge Street Art

Intervista e foto di Marco Caruso…

12.03.2007 - Andrea Pergola



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

Ho perso il momento esatto in cui in redazione è entrato Marco Caruso. Ma quel momento è stata comunque una fortuna: altrimenti avrei perso certe sue creazioni...

"Cutting Edge Street Art", le tre fotografie che vedete in questa pagina, hanno vinto non so cosa ed ora sono in viaggio per non so dove in Germania.
Una semplicità sconcertante per una foto fatta di soli 6 colori:
- verde;
- candida pelle umana;
- blue jeans;
- nero floreale sugli stivali;
- giallo;
- la grigia cornice d'asfalto.
A vivere è quel faro verde. E, seppur così rarefatto, perso nella grigia cornice d'asfalto, il giallo delle foglie. Foglie che mutano sotto la minuziosa follia di questa fugace apparizione. Ma mutano senza lasciare il segno di un cambio di pelle.
Folli e delicate.

Eppure, se tanto ben palese è la delicatezza, non saprei dove collocare la follia. Se in questo mondo così minimalisticamente descritto in cui le forbici vengono lasciate lungo la strada in attesa che qualcuno le adoperi salvo poi lasciarle per un nuovo passante. O nella mente della verde e fugace apparizione, che parte da qualche parte, premeditando un gesto tanto inutile ma così carico di bellezza. E poi lo compie. E scompare.

Come nasce questo lavoro?

«Questa serie fotografica è nata da un tema (input) proposto dal portale www.worksisnotajob.com che suggerisce regolarmente dei temi sui quali cimentarsi.
L´input che mi ha fatto venire l´idea di tagliare le foglie con una forbice era una semlice lettera "A".
Nell´ultima foto ho perfezionato le foglie in modo che sembrino reali. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza il fotoritocco, che crea un realismo nella rappresentazione che contrasta con l´azione irreale.»

Chi è la verde e fugace apparizione?

«La ragazza che si vede (o meglio non si vede) sulle foto è Giulia Pinto.
È una studentessa di Roma Tre molto creativa, che produce tra l´altro anche capi d’abbigliamento vintage, acquistabili su richiesta sul fotolog http://www.fotolog.com/lumachinacrt/.
Mi ha dato una mano a ritagliare le foglie ed era senz´altro il soggetto perfetto per questo tipo di foto artistica.»

Fin dove sono arrivate queste fotografie?

«Le foto sono state selezionate nell´ambito di un concorso di fotografia pubblicitaria in Germania e verranno esposte in mostra a Luedenscheid e pubblicate su un Catalogo ad alta visibilità.
È in programmazione anche una mostra nella galleria C/o a Berlino per Aprile.»

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.