Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 25 settembre 2020

  • MP News
  • Cultura

Il fenomeno dei musei clonati

10.06.2007 - Eva Songini



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

Immaginate di essere in mezzo ad un isola deserta, a 500 metri da Abu Dhabi, e vedere spuntare all’improvviso una piramide di vetro del tutto identica a quella gia vista a Parigi davanti al museo del Louvre. Quello che oggi sembrerebbe sicuramente un miraggio, potrebbe essere realtà tra pochissimi anni. L’ultima moda in fatto di musei è proprio quella di fare dell’altolocato nome, referente di arte di qualità (come il Louvre per l’appunto) un brand a livello internazionale, un marchio esportabile e cedibile al pari di un franchising.

Accolta a braccia aperte la nuova tendenza, sono stati gli Emirati Arabi a farsi avanti come generosi affittuari del museo suddetto. Il compenso previsto prevede l’elargizione di 150 milioni di euro per l’organizzazione di 4 mostre l’anno per dieci anni, 200 milioni per il prestito a breve termine (4-5 mesi) di 300 opere d’arte di proprietà del Louvre e di altri musei francesi, 200-400 milioni per l’uso ventennale del “marchio Louvre” e ulteriori 70 milioni per una eventuale consulenza francese che indirizzi il nuovo museo verso acquisizioni per una collezione permanente. Il museo clonato, dovrebbe far parte di un distretto culturale costruito sull’isola di Saadiyat dove tra gli altri troverà collocazione anche un museo d’arte contemporanea di 30.000 metri quadrati gestito dalla fondazione Guggenheim.
La notizia ha subito svegliato le polemiche dei critici più tradizionalisti, preoccupati forse di perdere l’esclusiva di alcuni pezzi unici e di tutte quelle prerogative che fanno della Francia e dell’Europa un preziosissimo gioiello raro. In realtà però il Louvre non sarebbe il primo museo ad essere clonato. Gia l’Ermitage di S.Pietroburgo ha lasciato la sua impronta indelebile in alcune città Europee (Amsterdam e Londra) e Americane (Las Vegas), e vorrebbe arrivare ora anche in Italia. Si vocifera infatti che a Ferrara saranno presto predisposte due innovative location del museo: una sede di rappresentanza nel Castello Estense e un centro di cultura per gli studi rinascimentali nel Palazzo Ciglioli.

E’ vero che il progetto relativo all’esportazione del Louvre potrebbe prevedere, secondo il progetto dell’architetto Jean Nouvel, un richiamo esplicito alla fattezze architettoniche dell’originale, e per questo, a detta di alcuni, minarne la singolarità, ma d’altronde esempi di “copie d’autore” non sono per niente nuove allo scenario artistico internazionale. Senza andare troppo indietro nel tempo e far riferimento alle seppur famosissime copie di statue greche e romane, a difesa di questo genere d’arte si schiera il museo Puskin di Mosca. Qui sono raccolte, con l’approvazione di molti visitatori, copie di alcune delle più belle opere dell'arte del Mondo antico, del Medio Evo e del Rinascimento. Orgogliosa di aver ritrovato li molti dei nomi che hanno reso famosa l’Italia, mi schiero dalla parte di chi ha visto in questa nuovissima tendenza non solo un effettivo benefico rinvigorimento delle casse dei musei, ma anche un ottimo modo di esportare cultura e tradizione europea in ambiti diversi e terreni fertili a nuovi produttivi investimenti.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.