Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 26 maggio 2020

  • MP News
  • Cultura

Piana delle orme: memoria dello sbarco alleato

Tra poco più di un mese si svolgerà ad Anzio, il Memorial Day, in pieno stile americano, in memoria delle innumerevoli vittime dello sbarco di Nettunia del 1944

18.05.2008 - Silvia Magna



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

Tra poco più di un mese si svolgerà ad Anzio, il Memorial Day, in pieno stile americano, in memoria delle innumerevoli vittime dello sbarco di Nettunia del 1944.

Ripercorriamo insieme la storia.
Il 22 Gennaio 1944 alle ore due del mattino, i soldati americani, guidati dal generale Lucas, sbarcano nel porto di Anzio e iniziano il terzo attacco nel “ventre molle d’Europa”.
L’operazione Shingle servirà per rompere la linea di resistenza Gustav, creata dai tedeschi nel Lazio meridionale, e per liberare Roma.
La battaglia durò a lungo portando alla morte di oltre otto mila soldati.
Oggi ad Anzio e Nettuno sorgono due musei dello Sbarco, uno per ognuna delle cittadine, e un cimitero americano che conta più di settemila croci, una sala museo, un peristilio neoclassico e un monumento bronzeo in memoria dei caduti, raffigurante un marinaio e un soldato abbracciati. Un enorme parco con laghetto, dove le mamme e i papà passeggiano con le carrozzine, quasi non fosse un cimitero.

Ma il vero ricordo di quel momento è il MUSEO DI PIANA DELLE ORME: creato circa dieci anni fa per volontà di un collezionista, è un enorme struttura in provincia di latina, a 40 km circa da nettuno, suddiviso in due diverse parti tematiche: una dedicata alla realtà civile degli anni ’40 e una dedicata alla dimensione bellica.

Il lato dedicato alla collezione civile illustra per filo e per segno, con scenografia e rappresentazioni, con la messa in moto dei macchinari originali, tutti perfettamente funzionanti, la bonifica dell’agropontino e il grande cambiamento apportato nella vita dei contadini che vivevano a sud di Roma, da una delle più importanti opere dei primi 50 anni di storia italiana.
Ci sono trattori, vestiti, tini e tinozze, giocattoli che raccontano la tradizione e la cultura della civiltà rurale.
Il lato dedicato alla collezione bellica è spiazzante: carri armati, aerei, ogni tipo di macchina da guerra, arma o munizione e come se non bastasse una rappresentazione, con tanto di supporto sonoro di El Alamein.
Tutto è teatrale, scenico, rumoroso, sorprendente, guerrafondaio e paradossalmente disarmante.

La guerra in questo luogo è quasi bella. Lo scopo didattico si perde in un aspetto collezionistico, dove l’errore umano sembra non comparire, dove gli spettatori sono entusiasti di tutto ciò che scorre davanti i loro occhi.
Il luogo è asettico e kitch, sembra la casa delle bambole o uno di quei casermoni dei soldatini che ci regalavano quando eravamo bimbi.
Siamo nell’ennesimo NON LUOGO, nell’ennesimo McDonald’s, dove uscendo, come souvenir, compreremo una finta bomba a mano, da mettere sulla teca in salotto, accanto alle foto di famiglia.

 

Il museo è sempre aperto. Chiuso il 25 Dicembre.

Orari di apertura della biglietteria:
Periodo Invernale
Feriali dalle 9,00 alle 17,00
Festivi dalle 9,00 alle 18,30

Periodo Estivo:
Feriali dalle 9,00 alle 18,00
Festivi dalle 9,00 alle 19,00

1° Gennaio la biglietteria apre alle ore 13,00

Costo del biglietto:
Intero € 10,00
Ridotto € 8,00

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.