Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 10 agosto 2020

  • MP News
  • Cultura

Loghi d’Italia

Storie dell’arte di eccellere - fino al 25 gennaio 2009

28.11.2008 - Giuliana Caprioglio



MOSTRE - Arte in cripta

Dal 6 aprile al via una rassegna d'arte contemporanea nella cripta Borromeo.
Leggi l'articolo

Alessandro Mendini - Dall'infinitesimo all'infinito

"Io non sono un architetto, sono un drago": testa da designer, corpo da architetto, mani da artigiano, gambe da...
Leggi l'articolo

Erotismo come dinamismo

Divagazioni sul tema dell'eros nella società e nella psicologia culturale contemporanee
Leggi l'articolo

B.ZARRO - GENIO CONTRO GENIO -

Ospitando le opere di uno degli artisti più estrosi e visionari del panorama italiano, il Complesso del...
Leggi l'articolo

Image Hosting by Picoodle.com Quanti collegano automaticamente nel pensiero il marchio Barilla all'inconfondibile involucro di cartone blu, il Martini allo spot cult con Charlize Theron il cui vestito, rimasto impigliato nella sedia, si sfila a poco a poco (senza nulla togliere a quelli più recenti con George Clooney) e, andando sul classico, la Vespa allo slogan "Chi Vespa mangia le mele, chi non Vespa no"?

Un tempo ai bambini era addirittura concesso di assistere a Carosello prima di andare a dormire.

Le campagne pubblicitarie più efficaci sono quelle che sono riuscite a creare un'immediata identificazione tra il marchio e il logo, infondendo personalità alla marca. La mostra "Loghi d'Italia - storie dell'arte di eccellere" ripercorre le storie più famose del Made in Italy, della comunicazione e del design aziendale, evidenziando la stretta collaborazione tra arte ed industria e la capacità che ebbero alcuni imprenditori di valorizzare movimenti intellettuali ed artistici.

Molti gli artisti, i poeti, i designer e i registi che si sono cimentati nella comunicazione pubblicitaria, coniando mode, immagini, slogan, neologismi, la cui memoria è radicata ben oltre quella del prodotto cui facevano riferimento.

Ed ecco in mostra gli elegantissimi cartelloni pubblicitari disegnati da Fortunato Depero per il liquore Strega della famiglia Alberti, che nel febbraio 1947 diede vita al celebre premio letterario Strega. L'azienda Alessi nata nel 1921, famosa per il suo eccentrico design, iniziò negli anni '70 ad affidare la realizzazione dei suoi oggetti in serie ad artisti importanti come Giò Pomodoro, Pietro Consagra, Andrea Cascella, Salvador Dalì e Alessandro Mendini. D'altra parte è pur vero ciò che diceva Bruno Munari: «ll sogno dell'artista è comunque quello di arrivare al Museo, mentre il sogno del designer è quello di arrivare ai mercati rionali».

Non fu da meno l'ENI, rappresentata dal famoso logo del cane a sei zampe, che sotto la dirigenza di Enrico Mattei (ex partigiano cattolico) promosse la nascita nel '55 della rivista "Il Gatto Selvatico" alla cui direzione fu chiamato il poeta Attilio Bertolucci. 

Mattei aveva le idee chiare su come doveva essere il periodico: «Voglio che sia una rivista per tutti, dal presidente della Repubblica all'ultimo perforatore», specificò a Bertolucci durante il loro primo incontro. E così la rivista ospitò gli scritti di alcuni dei migliori intellettuali dell'epoca: Parise, Soldati, Bassani, Dessì, Natalia Ginsburg, Calvino, Sciascia e Gadda. Mattei creò poco dopo anche l'"ufficio cinema" all'interno dell'azienda finanziando due importanti documentari "L'Italia non è un paese povero", con un commento scritto da Moravia, che però la Rai si rifiutò di trasmettere integralmente perché considerato un reportage troppo crudo e comunista, e "La via del petrolio" diretto dal giovane Bernardo Bertolucci.

Anche Adriano Olvetti, antifascista, promotore di uno sviluppo industriale in sintonia con l'affermazione dei diritti umani e con la democrazia partecipativa, dentro e fuori la fabbrica, arruolò nella sua industria i migliori designer, grafici ed architetti del tempo, realizzando così la fortunata collaborazione con intellettuali ed artisti (tra cui Guttuso, Pasolini e Volponi) che diede alla luce nel '46 la rivista "Comunità".

Una generazione di imprenditori convinta che la propria attività imprenditoriale dovesse contribuire allo sviluppo anche culturale e sociale del paese, e che privilegiò di conseguenza il lato positivo della pubblicità, ovvero il lato "pop", creando così prodotti artistici e popolari insieme.

Per citarne ancora qualcuna: Alfa Romeo, Lagostina, Benetton, Birra Peroni, Perugina.

 

Loghi d'Italia - storie dell'arte di eccellere

Castel Sant'Angelo, lungotevere Castello 50, Roma

www.loghiditalia.com

21 novembre 2008 - 25 gennaio 2009

da martedì a domenica dalle ore 9.00 alle 19.00

11 euro. Info: 06 6819111

www.castelsantangelo.com

 

 

 

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.