Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


sabato 28 marzo 2020

  • MP News
  • Cultura

Exactitudes: uguali, differenti

Fino al 26 aprile 2009

25.02.2009 - kuei ying proietti



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

Image Hosting by Picoodle.com  "Siamo tutti diversi, come chiunque altro". E' questa la chiave, fornitaci dagli autori, con cui leggere la serie di ritratti fotografici Exactitudes.

Il titolo stesso suggerisce come il filo conduttore di questo progetto sia lo "stesso atteggiamento", la "stessa posa", la "exact attitude" appunto, che unisce i soggetti di ognuna delle 112  serie di ritratti.

Il progetto di Ari Versluis e Ellie Uyttenbroek prende il via in Olanda, a Rotterdam, nel 1994.

Il duo olandese guidato da un interesse per il codice dell'abbigliamento dei diversi gruppi sociali comincia a documentare un'infinità di tipi umani dando vita a un mosaico variopinto che, non a caso, Ellie Uyttenbroek considera la loro collezione di farfalle.

Ed infatti, come in una ordinata collezione, i soggetti sono divisi per tipologia, ritratti su sfondo bianco in una stessa posa e con lo stesso tipo di inquadratura, quasi sempre un piano americano (da metà coscia in su).

Image Hosting by Picoodle.com  Oltre 1300 ritratti scattati in giro per il mondo tra Rotterdam, Beijing, Rio de Janeiro, New York, Londra, Parigi, Bordeaux, Casablanca, che svelano le similitudini e le differenze tra i diversi gruppi umani.

Una mole di ritratti che spiazza l'osservatore, solo per citarne alcuni: ragazze francesi del centro di Parigi, anziani con la camicia stirata, vicini di casa, uomini d'affari, ragazzi emo, macellai, studenti, culturisti, uomini d'affari, tedesche con la giacca a vento, surfisti, marocchini con la jallabah, ragazzi con i dreads, tatuati, vagabondi, ragazze con il velo, viaggiatori con lo zaino in spalla, ragazze pin-up, bambini alle prese con i videogiochi.

La mostra mette in luce la necessità dell'uomo di distinguersi dalla massa e quella di uniformarsi a chi sente simile a sè. Una contraddizione che dà vita a ritratti divertenti in cui la qualità delle fotografie passa in secondo piano rispetto alla curiosità che suscitano i soggetti ritratti.

Un'occasione per farsi una passeggiata nel centro di Roma, visitare il palazzo settecentesco che ospita la mostra e che è stato riaperto al pubblico nel 2005 (dopo 30 anni di restauro) e per ricercare se stessi tra i ritratti esposti.

Chi non potesse andare di persona potrà approfittare del sito internet  www.exactitudes.com

 

Exactitudes

Dal 14/2/2009 al 26/4/2009

Palazzo Incontro (Provincia di Roma)

Via dei Prefetti, 22 - Roma

Orario: 10-19 tutti i giorni. Chiuso il lunedì.

Ingresso gratuito

 

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.