Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 26 maggio 2020

  • MP News
  • Cultura

Live Report: Vondelpark @ Init club

Il loro è un sound meticcio, rock'n'roll con derivazioni surf, incalzante e ossessivo quanto basta per i nostri cupi tempi, ma le linee melodiche che escono fuori restano pop, di quello cui si resta invischiati e che finisce per rimanere nella testa per

13.06.2008 - Luigia Bersani



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

Vondelpark è il nome che mi risuona nelle orecchie tornando a casa, come il rumore bianco che senti dopo un'ora di casino infernale. Letteralmente incendiari, in quaranta minuti di garage tiratissimo, questi quattro ragazzi romani si scatenano sopra e sotto il palco, in una performance di cuore e, soprattutto, di fegato.
Il loro è un sound meticcio, rock'n'roll con derivazioni surf, incalzante e ossessivo quanto basta per i nostri cupi tempi, ma le linee melodiche che escono fuori restano pop, di quello cui si resta invischiati e che finisce per rimanere  nella testa per giorni.
Cello, Kamada, Prennon e Leo costituiscono questa unione esplosiva di energie musicali che con sempre più vigore dominano i palchi dello scenario underground di Roma.
Dopo il successo al Circolo degli Artisti si ripropongono all’Init Club con il nuovo singolo che ancora una volta spinge gli spettatori a lasciarsi andare in uno sfrenato coinvolgimento.
Aggressiva la loro musica e aggressiva la loro esibizione che non maschera l’impeto che li accompagna durante tutti i concerti e che diventa parte integrante delle loro performance.
Intellettuali ma irruenti, sottili ma irriverenti, sono queste antinomiche caratteristiche che rendono la band  particolarmente amata dal suo pubblico e che, per questo, la identificano  come emergente protagonista del rock italiano. 
Faccio a fine concerto i complimenti e qualche domanda all'occhialuto cantante, che sorseggiando una birra mi parla della loro attitudine prettamente live, 'la cosa che ci riesce meglio', mi dice, 'nel live l'ascolto assume la fisicità e la concretezza che altrimenti si perde, di solito, nei cavillosi accorgimenti per infilare l'auricolare con la scritta R effettivamente nell'orecchio giusto'.
Non resta che aspettare il loro prossimo concerto, vista anche la rarefatta discografia del gruppo, compresa tutta in una demo presumibilmente registrata in qualche lurido garage sotterraneo e nel singolo, decisamente low fi, oramai esaurito, ma che potete trovare sulla pagina Myspace della band.

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.