Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 31 marzo 2020

  • MP News
  • Cultura

Il Gioco

Fino al 26 aprile 2009

23.04.2009 - emanuele truffa giachet



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

I tempi stanno maturando per fare ordine fra le priorità delle nostre vite.

Tutto ciò che si considera ossigeno sta diventando scarto e viceversa; forse è il momento di un ritorno a ciò che dovrebbe essere ideologicamente e moralmente utile e portatore di verità.

Ciò che emerge dal testo di Romano Talevi, curatore anche della regia, Il Gioco, è la profonda inutilità della guerra, sia riferita agli avvenimenti nell'Europa del 1917, sia riferita alla tensione sempre crescente che avvolge i quattro personaggi. Nella Bucarest della Prima Guerra Mondiale, infatti, il fato unisce quattro vite, quattro modi di porsi alla vita, quattro storie che apparentemente non hanno nulla in comune, ma che il destino ha deciso di fare incontrare incrociandone le vite. È come in una partita a poker, dove tutti metteranno a mò di posta la loro stessa esistenza.

Il pubblico viene accolto, all'ingresso in sala, dalle note di una chitarra, suonata dal vivo da Troubadour / Michael Wernli che sottolinea con passione musicale i moti d'animo dei personaggi.

L'apparente incertezza iniziale di Romano Talevi, l'Uomo, lascia invece spazio a una interpretazione mutevolmente ricca e decisa, che si carica di energica intraprendenza scenica nel contatto con il personaggio di Josza accompagnato dall'eleganza e verve romantica di Giannapaola Scaffidi. La giovane Edith / Valentina Morini, al suo ingresso in scena, si esibsice in una musicale interpretazione dai toni lontanamente lirici, ammutolendo la platea incantata dalla sua voce matura e fascinosa, seguitando la recitazione con accademica puntualità.

L'analisi "militare" del soldato Matteo, da parte di Pierfrancesco Ceccanei, strappa un sorriso al pubblico che gradevolmente apprezza la sua apparente semplicità nell'alternanza di registri attoriali opposti.

Saltuariamente il testo appare indeciso ed esitante e gli attori cercano di porvi rimedio con una recitazione a prima vista ostentata. Scenicamente ben riuscita la scena della partita a carte con uno scambio speculare delle relazioni fra i personaggi.

Ciò che ne rimane è la piacevolezza di una buona mise en scène e il pensiero amaro che le guerre passate stanno divenendo sempre più un ricordo acquisendo toni da favola dimenticando, anche a volte consapevolmente, che ciò che è stato non dovrà mai più accadere.

 

IL GIOCO di Romano Talevi

in scena fino a domenica 26 aprile 2009

L'Orangerie - Teatro dell'Accademia

www.teatrorangerie.com - info@teatrorangerie.com

Via Alessandro Volta 41a (Zona Testaccio)
Tel. 06-83514788

 

THEATRON dal 17 marzo al 6 maggio

Rassegna di Teatro Civile e della Memoria

a cura di Teatro L'Orangerie

in collaborazione con Linkacademy

 

 

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.