Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 26 maggio 2020

  • MP News
  • Cultura

Il paesaggio laziale tra Ideale e Reale

Fino al 1 novembre 2009

02.10.2009 - Irene Roberti Vittory



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

  La splendida villa d'Este, sito patrimonio dell'Unesco, accoglie nelle sue stanze una mostra che parla di Tivoli, di Lazio, di natura; tanto per ricordarci che "Roma caput mundi" ma anche i suoi dintorni non scherzano. Lo sapevano bene quegli artisti che in queste zone piantarono tela e pennelli e trovarono l'ispirazione artistica. Ispirati dalla natura, dalle montagne, dai piccoli borghi - al giorno d'oggi grandi - che a sorpresa spuntano dagli alberi, dalle cascate. Le cascate sono quelle dell'Aniene, che taglia Tivoli e compie un salto di 100 metri sui suoi fianchi, lasciandosi alle spalle il tempio di Vesta. Arte e natura si intrecciano, classicità e contemplazione si sposano dando vita a un senso di armonia, come se davvero si riuscisse a essere lì, a margine della cascata a sentire il fruscio dell'acqua che si insinua tra gli alberi e le grotte. Gli uomini stanno a guardare, si fanno minuscoli perché minuscola è la loro importanza in confronto a cotanta imponenza. Sono contadini, abitanti discreti e silenziosi. Oppure sono tratti dall'antichità - è il caso di "Fuga dall'Egitto" di Giandomenico Desideri, allievo di Claude Lorrain - , e la natura viene assurta a simbolo della pace e della storia dell'uomo, diviene la culla di un sentimento di neoclassica nostalgia. L'arte incontra il mito con "Mercurio e Argo in un paesaggio",  e ci si immagina gli dèi dell'Olimpo, lontani dalla Grecia e rapiti dal fascino italico, tessere qui racconti leggendari e vivere paniche metamorfosi. Più di trenta le opere esposte, numerosi gli artisti: Gaspard Dughet, Gaspard van Wittel, Andrea Locatelli, Jacob More, van Bloemen, van Wittel, Van Lint, Salvator Rosa, Pietro da Cortona e altri ancora. Nomi non conosciuti dal grande pubblico che però fanno la storia del neoclassicismo e del preromanticismo. Movimenti, in questo caso, dall'aspetto tutto nostrano: pochi chilometri e si è lì, come muti osservatori, custodi di luoghi meritano di essere riscoperti e vissuti. Anche attraverso la pittura.

 

"Il paesaggio laziale tra Ideale e Reale"

Villa d'Este - Tivoli

Dal 12 Giugno al 1 Novembre 2009

Costo del biglietto: 10 euro (intero); 6,75 euro (ridotto)

Orario: dal Martedì alla Domenica dalle 8,30 fino a chiusura del monumento. Lunedì chiuso

www.villadestetivoli.info

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.