Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 26 maggio 2020

  • MP News
  • Cultura

Liana Zanfrisco in “C’est la vie”

Fino al 30 ottobre 2009

02.10.2009 - Eleonora Carbone



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

"C'est la vie" è il titolo della mostra di Liana Zanfrisco aperta ieri con un vernissage della galleria "Mu.Ga" di Via Giulia a Roma,  curata da Paola Donato e Loris Schermi; l'artista è una giovane italiana che lavora tra il Belgio e la Germania dove da anni riscuote molto successo.
I suoi lavori sono semplici, sembrano usciti da un'avanguardia di tanti anni fa, quel avanguardia fatta di readymade e disegni spinti, oggetti entrati casualmente a far parte dello spazio espositivo insieme ad forme no sense.
Il lavoro dell'artista vive in un caos ben preciso negli spazi della galleria, sembra il riassunto della propria vita sistemato e ammassato tra 4 pareti e per la prima volta esposto allo sguardo indiscreto del visitatore.
L'esposizione è molto curata, i dettagli sono raffinati ed è piacevole girare tra le opere;
la Mu.Ga ha delle dimensioni abbastanza contenute, ma proprio questa piccolezza raccoglie in un evento intimo e quasi privato la vie della Zanfrisco.
Studiando i suoi disegni possiamo notare le immagini di corpi nudi che si sostituiscono a degli oggetti quotidiani come una teiera dalle gambe affusolate;   genitali femminili, corpetti,  parti che lentamente si mostrano all'osservatore come nei disegni surrealisti in cui ogni partecipante finiva il disegno che qualcuno prima di lui aveva iniziato fino ad arrivare a delle esplicite conseguenze sessuali.
Molto curiosa l'installazione di una scrivania in legno, con una lampada dallo stile pulito e razionale che illumina un piano d'appoggio dove troviamo taccuini aperti con disegni in vista ed un piccolo video installato, quasi fosse un libro digitale, trasmette altre immagini in un fluire infinito di corpi ed intrecci.
I suoi video ricordano quei vecchi volumi di disegni che se mossi velocemente con tutte le loro pagine producevano dei piccoli e rudimentali "film animati".

Liana Zanfrisco produce moltissime opere che rielabora e riutilizza continuamente nelle sue mostre perciò ogni disegno fa parte di un ciclo e di una storia che per l'occasione è stata un po' ricostruita proprio con il motto che da il titolo alla mostra: "C'est la vie",  come prova per riassumere una vita complessa dedita al no sense e alla patafisica.
L'artista di fatti dopo l'incontro con lo scrittore patafisico belga André Balvier, continua a realizzare questa corrente  con oggetti casualmente posti in circostanze misteriose, dentro ad una galleria che impacchetta e imprime l'opera come simbolo del fare artistico ormai riconosciuto.
Di grande impatto e  di riferimento al più puro movimento dadaista,è  l'opera con i piatti su sgabello illuminati dalla lampada, alle spalle sul muro una frase straniera che fa il verso alle più celebri composizioni linguistiche di Duchamp tra non senso ed impossibilità.
La mostra di Liana Zanfrisco non è solo una passeggiata tra i primi del '900,  ma anche una trasposizione di gesti artistici di molti anni fa, tra spirito goliardico e freschezza dei significati.  


Liana Zanfrisco, "C'est la vie"
galleria Mu.Ga  in Via giulia 108, Roma
entrata gratuita
dal lunedi al venerdi 1o.3o - 13.oo / 16.oo-19.oo
finissage 30 ottobre 2009 ore 17.3o

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.