Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 22 settembre 2020

  • MP News
  • Cultura

Salviamo gli animali fantastici

26.06.2007 - Marco Bolsi



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

Aprirà il 16 giugno a Riccione la mostra organizzata dal “Dipartimento animali fantastici”: “Fantanimalia atlante di zoologia parallela”. Si tratta di tutelare il ricordo di tutti quegli animali dei cartoni e degli show televisivi che da parecchio tempo sono scomparsi dai teleschermi e rischiano di finire nel dimenticatoio delle persone. Chi non vorrebbe rivedere Lupo Ezechiele alle prese con i tre porcellini, la Pantera Rosa che prende in giro l’ispettore Clouseau, Cip e Ciop che si beffano del povero Paperino? E ancora chi non vorrebbe riascoltare quella vocina così buffa del pulcino nero più famoso del Carosello, Calimero, o il frenetico battere del pazzo Picchierello? Questi e altri personaggi avranno la possibilità di rivivere e farsi conoscere nello spazio espositivo che rimarrà aperto fino a settembre. Il progetto più ampio, che prevede anche una mostra sulla tutela ambientale, vuole farci riflettere sul rapporto uomo animale, e come sia importante nell’ambito della memoria mantenere vivo il ricordo collettivo. L’iniziativa nasce dalla considerazione che la perdita degli animali immaginari sia paragonabile all’estinzione di quelli veri. Benché l’affermazione possa sembrare paradossale, in realtà bisogna proprio partire da questo tipo di sensibilizzazione per indurre la gente a interessarsi anche delle cause vere e ben più gravi. Proprio per tale motivo l’intenzione generale è di rendere la mostra permanente. Infatti non a caso si trova nello stesso spazio della Fondazione che si occupa della tutela dei cetacei.

L’esposizione nasce da una ricerca che parte da metà Ottocento fino ad arrivare ai giorni più attuali passando per la letteratura, la mitologia, la pubblicità e il cinema. Per questo è stato realizzato un albero genealogico con cinque mappe raffiguranti le principali tappe evolutive: ludozoica, mutazoica, mitozoica, telezoica e semiozoica. I visitatori potranno poi vedere nove teche e 45 tavole di animali a rischio di estinzione e di cui si sente maggiormente la mancanza. Non è un assurdità se si pensa che per alcuni personaggi come il gatto Felix è sorto un gruppo di fan che si preoccupa del destino del piccolo micio nero. Nel parco di Oltremare a Riccione, dove appunto è stata allestita la mostra, sarà inoltre possibile visitare moltissimi acquari e osservare centinaia di specie diverse, tra cui la particolare attrazione sono i delfini. Un’iniziativa questa che risveglierà la fantasia del pubblico perché quei personaggi hanno destato in tutti noi sogni e speranze, sono stati l’espressione segreta dell’anima accompagnandoci durante la crescita e rappresentando talvolta dei modelli comportamentali. La mostra sarà dunque l’iniziativa adatta per celebrarli e farli apprezzare anche dalle nuove generazioni.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.