Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 25 settembre 2020

  • MP News
  • Cultura

Who Shot Rock & Roll

A Photographic History, 1955 to the Present. Fino al 31 gennaio 2010

26.11.2009 - Angela Di Matteo



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

  Prima della televisione è stata la fotografia a rendere immortali certe stelle del rock. Ci sono, infatti, immagini famose che fanno parte della cultura comune, immagini che solo a guardarle rievocano un mondo di luci e fasti...che fu. Un mondo che la mostra al Brooklyn Museum, aperta fino al 31 gennaio 2010, vuole ri-celebrare ricordando le star del rock&roll viventi e defunte. Le sale del museo newyorkese ospitano scatti celeberrimi, quali quello che fece guadagnare ad Elvis il soprannome "The pelvis" oppure quello che ritrae Bob Dylan camminare per strada con la sua ragazza di allora.

Una mostra-celebrazione che rievoca la forza, l'energia e l'eros di un'epoca elettrica e inquieta, un'epoca in cui il rock non era solo un genere musicale ma una scelta di vita.

La fotografia anni '60-'70 ha creato delle vere e proprie icone, ha plasmato modelli per intere generazioni, sapendo fare di un semplice pezzo di carta un vero e proprio manifesto culturale.

"Who shot the Rock&Roll" è un titolo volutamente ambiguo che potremmo tradurre con "Chi ha sparato al Rock&Roll" oppure con un diretto riferimento alla fotografia "Chi ha catturato il Rock&Roll" in uno scatto rubato da sotto un palco o in una posa privata. La mostra, che ospita 105 artisti e 175 lavori, non ha spazio solo per i grandi fotografi come Diane Arbus, Richard Avedon e Annie Leibovitz ma anche e soprattutto per autori semi-sconosciuti che dal loro angolino hanno saputo cristallizzare tutta la forza erotica del rock&roll. Gli anni del rock non sono solo quelli delle chitarre distorte e della droga, ma sono anni in cui l'eros è la forza motrice di tutto. Eros inteso come carica esplosiva che non riguarda solo la sfera sessuale degli artisti ma che si manifesta anche come rapporto osmotico e spesso morboso con la musica, unico canale capace di portare al di fuori angosce e oblio. Gli scatti di "Who shot the Rock&Roll" sono testimoni vivi e parlanti di quegli anni rivoluzionari, che hanno cambiato per sempre il mondo della musica.

 

Brooklyn Museum. 200 Eastern Parkway, Brooklyn, NY

30 ottobre 2009 - 31 gennaio 2010

www.brooklynmuseum.org

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.