Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


giovedì 02 aprile 2020

  • MP News
  • Cultura

Africa? Una nuova storia

fino al 17 gennaio 2010

10.12.2009 - Simone Di Tommaso



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

Oggi più che mai l'Africa è fonte di sfide e di opportunità, non solo per via delle sue potenzialità umane, naturali ed economiche ma anche per la ricchezza del suo patrimonio culturale e per la vitalità e l'originalità della sua arte.

Con lo scopo di contribuire a far conoscere al grande pubblico l'arte contemporanea africana, il Complesso del Vittoriano ospita una significativa mostra in cui sono esposte ottanta opere tra dipinti, sculture, installazioni e video di trenta artisti di diverse generazioni, nati nei Paesi dell'Africa Sub-Sahariana.

Il curatore della mostra, il professor André Magnin, sottolinea l'originalità delle opere esposte, alcune delle quali inedite, e che "comportano uno shock sul pubblico, creando un forte impatto. E' una mostra che permette di far vedere la ricchezza in cultura, arte e storia del continente africano e che racconta gli artisti africani, rispettandone la singolarità".

L'esposizione è divisa in due sezioni: la prima è composta dalla "Collezione di Arte Contemporanea Africana", proveniente dalla celebre raccolta di Jean Pigozzi, il più importante collezionista di arte contemporanea africana; la seconda, denominata "ArtistiAfricani" è costituita dalle opere di artisti indicati da diverse Ambasciate di Paesi Africani.

All'interno della prima sezione i disegnatori, pittori, scultori, videasti inventano e realizzano opere che ci proiettano in universi fantasmagorici, che traggono spunto al contempo dalla realtà quotidiana, da credenze o sogni o aspirano a rivolgersi a un pubblico internazionale.

La seconda sezione è composta da opere spesso figurative e colorate, dove non predomina tanto l'interesse per la tecnica o il riferimento, quanto piuttosto una forte volontà di vicinanza con il pubblico, con l'attualità, sia locale sia mondiale.

Gli autori creano il proprio linguaggio che si richiama a immaginari prospettici, spostando i confini conosciuti dell'arte tradizionale. Essi sono riusciti a fondere sapientemente, ciascuno nel  proprio ambito, il carattere individuale delle creazioni e quello collettivo della percezione delle loro opere. La mostra, che vuole proprio dimostrare come l'arte attinga la sua linfa vitale dalla molteplicità di relazioni che scorrono in ogni direzione, è estremamente interessante e porta il visitatore a scoprire un tipo di arte diversa meno conosciuta al grande pubblico e a incuriosirsi delle nuove pulsioni artistiche internazionali.

Tra le opere più interessanti vi sono "La riconciliazione è il bacio della morale" di Amani Bodo, "Senza titolo" di Pathy Tshindele, "I nuovi padroni del mondo" di Chéri Chérin, "Senza titolo" di Esther Mahlangu e "Tsunami" di Richard Onyango.

 

Complesso del Vittoriano, Salone Centrale, con ingresso in via San Pietro in Carcere - Roma

dal 19 novembre 2009 al 17 gennaio 2010

aperto dal lunedì al giovedì dalle 9.30 alle 19.30. Venerdì e sabato fino alle 23.30. Domenica fino alle 20.30.

Ingresso gratuito

www.comunicareorganizzando.it

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.