Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 25 maggio 2020

  • MP News
  • Cultura

Ricordo di Vanni Blengino

L’Università degli Studi Roma Tre ricorda il grande studioso Vanni Blengino, venuto a mancare nel settembre scorso

23.12.2009 - Angela Di Matteo



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

 

L'Università degli Studi Roma Tre ricorda il grande studioso Vanni Blengino, venuto a mancare nel settembre scorso, a causa di una malattia. Un uomo dalle mille risorse, capace di trasmettere con i suoi discorsi quadri vivi, parlanti, di un'America Latina vera e tangibile, fuori da stereotipi e luoghi comuni. Un uomo colto, sempre pronto ad allargare il proprio orizzonte, teatrale nelle parole ed evocatore nella scrittura. Filosofo politico, che ha resistito all'omologazione di pensiero dell'una e dell'altra fazione ma non per questo privo di una specifica coscienza sociale. Dopo tutto la materia, ossia lo studio dell'America Latina, non permette un approccio distaccato né tantomeno indifferente. Occuparsi del Sud-America implica obbligatoriamente una certa sensibilità sociale e politica e poi, ma non necessariamente, un interesse letterario. Vanni Blengino, grazie anche - anzi soprattutto - alla sua storia di migrante in Argentina, non era di fatto un semplice scrittore/lettore, bensì un uomo totalmente impregnato e immerso nella realtà americana. Realtà che gli è rimasta "cucita nei gesti, nelle parole, nella condotta, nell'abbigliamento" (Blengino, Ommi! L'America... 2007) e che non ha mai smesso di rievocare durante le sue pindariche lezioni, in cui Buenos Aires sembrava di avercela davanti agli occhi.

La giornata di studi in onore di Blengino si è tenuta il 18 dicembre presso la Facoltà di Lettere e Filosofia e ha visto alternarsi esimi professori nel ricordare l'incredibile uomo che fu. L'incontro, organizzato e presieduto dall'erede del Professore, Camilla Cattarulla, docente di Lingua e Letterature Ispano-americane presso lo stesso ateneo, ha voluto essere un viaggio tra memorie, emozioni, aneddoti tra Italia e Argentina, senza però dimenticare la riproposizione delle sue teorie politico-letterarie, analizzate dagli ospiti con profondissima dedizione. I professori che hanno apportato il proprio contributo, hanno sviscerato l'opera di Blengino sotto il profilo storico, linguistico e letterario, cosa che inevitabilmente ha fatto emergere la figura non solo di un fervente ricercatore ma di un migrante, di un uomo figlio di due mondi.

Se l'ateneo romano gode di una cattedra in studi sulla lingua e le letterature ispano-americane lo si deve praticamente a Blengino, studioso appassionato, insegnate coinvolgente e uomo di rara generosità. I suoi studenti lo ricordano con gli occhi lucidi, i suoi colleghi con voce ferma, perché l'emozione non li tradisca.

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.