Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 24 febbraio 2020

  • MP News
  • Cultura

Mia Dea

fino al 31 gennaio

28.01.2010 - Luca Casadio



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

  Medea è tornata. Solo che oggi ha ucciso il padre e partorito una bambina che presto compierà tre anni. E così sconta la sua pena in una prigione opprimente, accudendo la figlia e ricordando tutta la sua esistenza lungo quei pochi passi che può ancora percorrere. Il rancore legato alla propria storia e la voglia di una nuova esistenza, di una qualche libertà, si fondono insieme in un solo monologo, quasi un'allucinazione, che a volte si apre in momenti lirici e altre si chiude in una rabbia senza nessuna possibilità di riuscita. Il testo scritto da Dario D'amato, per la regia di Francesco Spaziani, e interpretato da Valentina Chico, va a strappi, a momenti. Sembrano parti non perfettamente assemblate di un progetto, di un'idea comunque presente: fili non sempre ricongiunti, che lasciano trasparire chiari spunti di regia, momenti di recitazione e frammenti di una scrittura intensa, emotiva. L'attualizzazione del mito e la sua nuova contestualizzazione in questi strani giorni d'oggi rendono il tentativo interessante, meritevole di una seconda chance, di un approdo verso nuovi palcoscenici e nuovi pubblici. Questo perché Mia Dea si inserisce all'interno di una rassegna, LET - Liberi esperimenti teatrali - curata da Valerio Aprea e Franco Clavari, ormai giunta alla sesta edizione. Un cantiere teatrale dove testi, attori e registi, si possono misurare con la complessità e le difficoltà - soprattutto economiche - del teatro. In circa due mesi, dal 12 gennaio fino al 7 Marzo, al Cometa Off di Roma, si può assistere a prodotti nuovi e interessanti, allo sviluppo di idee che forse potranno comparire sui cartelli della prossima stagione teatrale. Uno spazio fresco che lascia trasparire la vitalità di chi vuole ancora spendersi nell'immaginazione, nella scrittura e nella messa in scena. Un'idea di teatro, come quello di Mia Dea, volto alla comprensione di quella zona di attrito tra l'attualità in cui siamo immersi e le nostre categorie di lettura, le nostre fragili menti, perché, come scrive Dario D'Amato:"La realtà è quella cosa che non ti sei scelta, eppure ti ha preso in pieno".

 

Al Teatro Cometa Off

Via Luca Dalla Robbia, 47 - Roma

www.cometa.org

Dal 29 al 31 gennaio, ore 20.45

Mia Dea

di Dario D'Amato

con Valentina Chico

regia di Francesco Spaziani

produzione Ass.Cult. M.A.T.E.11

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.