Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


sabato 28 marzo 2020

  • MP News
  • Cultura

La campagna romana dai Bamboccianti alla Scuola romana

fino al 14 febbraio 2010

02.02.2010 - Simone Di Tommaso



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

"...Attraversammo queste campagne deserte, questa solitudine immensa che circonda Roma fino a parecchie leghe di distanza. Il paesaggio è magnifico: non è una pianura piatta, la vegetazione è rigogliosa e il panorama è qua e là dal rudere di un acquedotto o di antiche tombe, che imprimono alla campagna romana un carattere di grandezza veramente incomparabile. Le bellezze dell'arte raddoppiano l'effetto delle bellezze naturali, evitando quella sazietà che procura il piacere di ammirare paesaggi". Così scriveva il grande Stendhal nel 1827, cercando di far percepire al pubblico europeo la grandiosità e la bellezza della campagna che partiva all'infuori delle Mura Aureliane, la cinta difensiva che circondava la città di Roma e che ne segnava i confini.

Preliminarmente va spiegato che con il termine 'Campagna Romana' si intende quel territorio intorno a Roma che si estende a nord fino a Civitavecchia, al monte Soratte e alla riva destra del Tevere, a sud sino a Terracina lungo il litorale e, infine, nella fascia interna, dai monti Tiburtini ai Lepini e agli Ausoni. Questa terra, caratterizzata da paludi, prati con orizzonti segnati dal dolce profilo di colline, ampie distese disabitate punteggiate da ruderi, catene montuose fitte di boschi, antichi acquedotti incastonati nei prati, ha da sempre affascinato tutti gli artisti e i viaggiatori del 'Grand Tour' che si muovevano nelle vicinanze della Città Eterna: essi rimanevano colpiti da quel paesaggio bucolico, che rimandava a sentimenti di solitudine, silenzio, grandiosità, laboriosità e semplicità.

La Campagna Romana diventa oggi la protagonista di un'imperdibile mostra ad ingresso gratuito ospitatata dal Salone Centrale del Complesso del Vittoriano, e composta da circa 140 opere, tra olii, acquerelli, disegni e incisioni provenienti, per la gran parte, da collezioni private e per la prima volta esposte fuori dai luoghi originari.

Il viaggio alla scoperta della campagna romana, di carattere cronologico, prende il via dai Bamboccianti, scuola pittorica del Seicento che ha come punto di riferimento e maestro Pietre van Laer, noto con lo pseudonimo 'il bamboccio' per il suo aspetto deforme e fanciullesco. Tipico di questa scuola è ritrarre scene popolari di vita comune della Roma papale con particolare attenzione a quel mondo che  vive ai margini della società, come ladri, giocatori, bari, prostitute e mendicanti: al centro delle loro tele è, dunque, l'umile realtà della vita popolare.

Per il Settecento, sono esposte tele di artisti del calibro di Philipp Peter Ross, detto Rosa di Tivoli, che ama inserire in modo raffinato nelle sue composizioni le figure di pastori, pecore e capre, di Huibert Robert, specializzato nella pittura di rovine e capricci architettonici con figurine guizzanti e fantastiche visioni. A questi si aggiunge il famoso Gaspar van Wittel, padre putativo della corrente artistica del vedutismo, che ha rappresentato, in modo mirabile, i dintorni di Roma, con una minuzia di particolari, sbalorditiva per l'epoca.

Nell'Ottocento Roma, capitale del Regno Pontificio, diventa il centro indiscusso della formazione artistica internazionale, attraendo a sé schiere di artisti provenienti da ogni parte d'Europa. Tra questi è possibile ricordare il belga Martin Verstappen, autore di pittoresche vedute del lago di Albano e dei dintorni della capitale, i francesi Jean Baptista-Camille Corot, Pierre Henri Valenciennes e François-Marius Granet, gli svizzeri Peter Birman e Johann Jacob Frey, l'italiano Ippolito Caffi.

Come non dimenticare, poi, il grande Bartolomeo Pinelli, chiamato 'Pittor de Roma', la cui opera si caratterizza per la raffigurazione delle osterie romane, disseminate nella campagna laziale e popolate dai personaggi vestiti di costumi popolari.

Il Novecento è raccontato attraverso le opere dei cosiddetti 'Venticinque della campagna romana', gruppo di artisti nato nel 1904 con il proposito di rinnovare la tradizione pittorica nella raffigurazione "dal vero" dei luoghi nei dintorni di Roma e che prosegue la sua attività fino al 1930. Fra questi Ettore Ferrari, Enrico Coleman, Onorato Carlandi, Paolo Ferretti, Giulio Aristide Sartorio, Dante Ricci, Alessandro Morani, Filiberto Petiti, Carlo Montani, Filippo Anivitti, Umberto Coromaldi, Filiberto Corelli, Lorenzo Cecconi, Enrico Ortolani, Napoleone Parisani, Alberto Carosi ed Edoardo Gioja.

Il percorso espositivo si conclude con i pittori della Scuola Romana, tra cui Carlo Levi, Edoardo Navone, Giovanni Stradone, Carlo Quaglia, Giulio Turcato e Francesco Trombadori, le cui opere si caratterizzano  per un'emozionalità fantastica e visionaria, accentuata dai caldi toni bruni rossastri.

La mostra è molto interessante e stimola l'interesse di qualsiasi tipo di visitatore. Le tele esposte riescono a descrivere la vita quotidiana e popolare della città di Roma e dei suoi dintorni e permettono di scoprirne angoli nascosti e ormai dimenticati. Da non perdere.

 

Dal 23 gennaio al 14 febbraio 2010

Complesso del Vittoriano, Salone Centrale, via San Pietro in Carcere - Roma

Aperta dal lunedì al giovedì dalle 9.30 alle 19.30

Ingresso libero

www.comunicareorganizzando.it

 

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.