Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 11 agosto 2020

  • MP News
  • Cultura

I nostri parlamentari non conoscono la Costituzione!

E pretendono che l'immigrato per avere il permesso di soggiorno la conosca...

18.02.2010 - Pietro Marsicola



ARCHITETTURA - Due punti Minori

A Minori, in Costiera Amalfitana, un nuovo rapporto tra cittadino e progettista. L'iniziativa avrà luogo...
Leggi l'articolo

ARCHITETTURA - Due Punti Vietri sul Mare

Due Punti Architettura è giunta alla seconda edizione. Quest'anno il protagonista è il comune di Vietri...
Leggi l'articolo

LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

 

La si studia a scuola con l'Educazione Civica e in parte con la Storia, la si studia in qualsiasi facoltà universitaria a prescindere dall'indirizzo scelto, anche se magari in forma ridotta rispetto alla facoltà di giurisprudenza, insomma, la conoscenza della Costituzione  della Repubblica italiana, è una cosa che si dovrebbe dare per scontata, in fondo, è proprio in base ad essa che i nostri diritti vengono tutelati.

Non siamo qui a pretendere che ognuno di noi conosca a memoria il giorno di entrata in vigore (primo gennaio 1948 ndr), oppure i 139 articoli di cui è composta. Non siamo assolutamente ad un esame di Diritto Pubblico, e di certo, non vogliamo ergerci a professori di cattedra di tale materia, sia ben chiaro. Ma il primo articolo lo pretendiamo nella sua interezza e ben saldo nella memoria di tutti i cittadini italiani.

Ovviamente, se si uscisse in questo istante per svolgere un'indagine a campione, ad esempio nelle strade della capitale, chiedendo alla gente quanti conoscano il primo articolo della Costituzione, già sappiamo purtroppo, che al nostro ritorno dire che il test sia andato piuttosto male, sarà un pallido eufemismo. Si sa, l'ignoranza è dilagante quanto la più incurabile delle malattie. Ma diciamo che per una volta vogliamo evitare di fare i moralisti e pensare che in fin dei conti ci possa stare che un meccanico, piuttosto che un barista o un cassiere, non conoscano la Costituzione italiana come le loro tasche, in fin dei conti, per quanto sia un ragionamento totalmente sbagliato, queste persone quotidianamente si occupano di tutt'altro nella vita.

Ma quanto emerso da un'intervista svolta da un reporter delle Iene e andata in onda su Italia Uno pochi giorni fa, ha dell'incredibile. Appostato fuori dal Parlamento, il giornalista ha cominciato a chiedere a Deputati e Senatori di passaggio, se erano in grado di recitare a memoria il primo articolo della Costituzione. Ovviamente sì e senza alcun problema penserete voi, ed invece la risposta è proprio il contrario. Infatti, nonostante sia la base primaria da cui parte il loro lavoro, nessuno è stato in grado di rispondere, un po' come provare a chiedere al meccanico dell'esempio precedente, se sappia cos'è una chiave inglese, personalmente credo che lui sia in grado di rispondere, anche piuttosto velocemente.

Nel filmato in questione, si vedono parlamentari e niente meno che Ministri, che tutto ad un tratto, dopo aver sentito la domanda postagli dal reporter, assumono l'espressione delle "povere matricole universitarie", che impreparati e  impauriti di fronte al professore, non essendo in grado di rispondere, cercano di arrampicarsi sugli specchi. Difficile commentare una figura del genere o aggiungere altro.

E pensare che il Governo sta introducendo il "permesso di soggiorno a punti", che obbliga l'immigrato in attesa del permesso di soggiorno ad assolvere in due anni alcuni compiti tra cui: imparare la lingua italiana, mettersi in regola col fisco e conoscere la Costituzione e le regole civili. Sembra quasi una presa in giro, vista la fedina non certo pulita di alcuni nostri parlamentari e l'ignoranza della nostra classe politica in tema di articoli della carta costituzionale. Ovviamente se l'immigrato non dovesse conquistare questi obiettivi nel tempo prestabilito (24 mesi più un ulteriore anno di proroga) verrà espulso. Peccato non poter applicare le stesse regole per chi occupa le dorate poltrone del nostro Parlamento.

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.