Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 31 marzo 2020

  • MP News
  • Cultura

Delitto Pasolini – una considerazione inattuale

fino al 28 febbraio 2010

02.03.2010 - Gianpaolo Marcucci



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

"Il mio sogno, è sempre stato quello di fare lo scrittore..." Comincia così, sopra le lastre di cemento dell'idroscalo, la storia di uomo, che insieme al suo amico fidato, decide di raccontarci come è andata veramente. Stiamo parlando di una morte, una morte inflazionata, masticata; una morte di quelle che poi fanno parlare, e rende eroi.

Il morto è un poeta, grande artista, tanto artista da esser scambiato dai più, per intellettuale. E allora spranghe, sangue, potere, politica; una macchina blu, fiat 1100, targata Catania. La storia sembra che la sappiamo tutti, e infatti è così, la sappiamo tutti, ma è sbagliata. A fornire le prove è la versione di Giuseppe Zigaina, il pittore amico ed esegeta del poeta. Pasolini, Pier Paolo Pasolini, non è stato giustiziato. Non è stato eliminato dai poteri occulti attraverso un gruppetto di fascisti facinorosi. No, Pier Paolo Pasolini, pianificando minuziosamente a tavolino il giorno della sua fine, ha consacrato la sua vita di sommo artista, interpretando l'unica parte che poteva renderlo davvero immortale: la morte, quella sporca, violenta e sanguinosa.

E' in questo modo che, Fabio Morgan e Leonardo Ferrari Carissimi, direttori artistici della compagnia CKTeatro nonché direttori della Sala Orfeo del Teatro dell'Orologio di Roma, concedono in una settimana di repliche, ad un pubblico davvero entusiasta, un'anticipazione di quello che sarà il loro prossimo epico spettacolo, "Superstar". Delitto Pasolini, infatti, altri non è che la base concettuale da cui la ricerca dei due parte per giungere all'ambiziosa riscrittura totale dell'ultimo romanzo del grande Pier Paolo Pasolini, Petrolio. È un cammeo, uno spot, un'introduzione. Quanto basta comunque per intrigare, far riflettere e balzare dalla sedia, di fronte ad un Pasolini che non pare attore, ma risurrezione.

Di certo, se dapprima si poteva essere curiosi di veder messa in scena una tale rivisitazione, ora, a scheletro di fuori, la curiosità si è tramutata in bramosia impaziente. Bisognerà però aspettare fino a novembre per lo spettacolo in corso di costruzione, che vuole mettere il punto alla quasi impenetrabile bibliografia pasoliniana. E allora aspettiamo, sperando che nell'attesa, sia a noi concessa nuovamente la possibilità di riassaporare, insieme al CKTeatro, il punto di vista espresso in Delitto Pasolini; magari, proprio in vicinanza del tanto promettente epic-show Superstar.

 

Autore: Leonardo Ferrari Carissimi, Fabio Morgan
Regia: Leonardo Ferrari Carissimi, Fabio Morgan
Compagnia/Produzione: CKteatro
Cast: con Leonardo Ferrari Carissimi, Fabio Morgan, Alberto testone

Teatro dell'Orologio

v. de' Filippini 17/a - Roma
Tel: 06 68308735

23-28 febbraio 2010

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.