Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 29 maggio 2020

  • MP News
  • Cultura

Racconti al teatro stanze segrete

“Non è ancora chiaro […] se tutto ciò che è profondo non nasca da una malattia della mente, da stati di esaltazione della mente a spese dell'intelletto in generale”

30.11.2010 - Carlo Guglielmo Vitale



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

Dal 23 novembre al 5 dicembre al teatro "Stanze Segrete" in scena lo spettacolo "Racconti", basato sui tre più famosi racconti di Edgar Allan Poe. Non è uno spazio qualsiasi per la rappresentazione di un'opera: è un teatro-salotto, in cui non vi è un tradizionale palcoscenico e una platea di pubblico, non vi è più una distanza tra i due soggetti. La scenografia non può che essere ridotta ai minimi termini senza però per questo minare la godibilità, gli attori sono in mezzo al pubblico e il pubblico diventa un elemento della scena. Attori e pubblico si mescolano in uno spazio vuoto riempito dall'immaginazione, il teatro puro senza nessun tipo di ornamenti. Certamente è stata una scelta rischiosa, soprattutto oggi in cui il cinema si muove in una direzione opposta caratterizzata da un eccesso di effetti speciali e da iperrealismo. Il teatro "Stanze Segrete" è molto piccolo, un salotto accogliente che necessariamente deve puntare alla qualità, all'originalità come testimoniato dalle tante rappresentazioni messe in scena dal '92, anno della sua fondazione, a oggi.

Lo spettacolo in scena in questi giorni trova il suo tema dominante nell'omicidio, attraverso la voce di tre condannati a morte per il male da loro commesso: ognuno di loro racconterà la propria storia, il motivo della loro condanna. Le tre storie coincidono con i tre racconti più famosi dell'inventore del noir Edgar Allan Poe, adattati mantenendo il più possibile il testo originale. Le caratteristiche di questi casi sono tre: la colpa dell'omicidio, l'inspiegabilità dell'atto e la confessione. È il cosiddetto genio della perversione, omonimo titolo dell'ultimo racconto, la volontà di fare il male soltanto perché ingiusto, un elemento che si scatena inspiegabilmente nelle menti più sane, o almeno in apparenza tali. Questi personaggi non erano pazzi, conducevano vite abbastanza regolari e nulla avrebbe potuto prevedere o spiegare razionalmente l'atto della loro colpa: l'omicidio. Ne "Il cuore rivelatore" il motivo altamente illogico della furia scatenante è l'occhio della vittima; Carl aveva un ottimo rapporto con il vecchio con il quale viveva ma quell'occhio ad un certo punto cominciò a tormentarlo fino a spingerlo a compiere l'assassinio. Segue il racconto di Edgar, persona sin da sempre mite e amante degli animali, che arriva ad ammazzare in maniera alquanto sadica il suo gatto ed erroneamente anche la propria moglie. L'ultimo è quello di Lucy: l'omicidio questa volta ha una sua spiegazione razionale, l'eredità del marito, ma ciò che sfugge alla ragione è proprio la confessione. Non si tratta come negli altri due di una ammissione nel breve periodo di fronte alle ispezioni dei poliziotti dei luoghi del delitto: il caso è stato ormai archiviato come morte naturale, nessuno sospetta di nulla ed è passato ormai parecchio tempo dall'atto brutale. Nonostante tutto il nostro personaggio non riesce assolutamente a controllarsi e confessa tutta la sua colpa alle autorità autocondannandosi.

I tre attori, rispettivamente Sebastiano Gavasso, Diego Migeni e Sofia Vigliar, sono riusciti a tenere sempre attento un pubblico non abituato probabilmente ad un rapporto così vicino con la scena; un pubblico limitato certo ma equivalente ad uno più numeroso di un teatro tradizionale. Per gli attori è più difficile riuscire a mantenere intatta la propria interpretazione in un luogo vuoto in cui l'attenzione su di essi è molto forte e in cui si nota immediatamente la reazione del pubblico.

Il regista Andrea Teodori non è alla sua prima esperienza su Edgar Allan Poe, in precedenza ha diretto un'opera basata interamente su "Il cuore rivelatore" nonché opere di diversigeneri.

Non possiamo a questo punto che consigliarvi caldamente di assistere a questa rappresentazione così piena di riflessioni. Nonostante la sua breve durata, un'ora circa, è molto intensa, capace di arrestare il tempo e spinge l'immaginazione a riempire una scenografia minimal. A causa dei posti limitati, 45 soltanto, è consigliato prenotare in anticipo ma vi assicuro che non ve ne pentirete se siete amanti del vero teatro.

 

TEATRO STANZE SEGRETE

Via della Penitenza, 3 (Trastevere)

tel. 06.6872690 / 3889246033

Info: www.stanzesegrete.it

Botteghino dalle 18.30 alle 21.00

 

DATE E ORARI

Dal 23 novembre al 5 dicembre 2010

Tutti i giorni alle ore  21,00 - domenica ore 19,00

 

COSTO DEI BIGLIETTI

Intero: 13 €

Ridotto: 10 €

Al costo del biglietto si aggiungono 3 € di tessera associativa al teatro, ove prevista

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.