Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 29 maggio 2020

  • MP News
  • Cultura

Il Malato Immaginario

Dal 7 al 19 dicembre la compagnia del Teatro Stabile di Bolzano è in scena al teatro Quirino con l'ultima commedia scritta da Moliere.

13.12.2010 - Carlo Guglielmo Vitale



TEATRO - Il Don Giovanni di Moliere

Dal 7 al 25 marzo 2012 in scena al Teatro Vascello
Leggi l'articolo

LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

Il Teatro Stabile di Bolzano nasce nel '50 ed è il secondo teatro italiano a gestione pubblica preceduto dal Piccolo di Milano di Giorgio Strehler. Per questa compagnia hanno lavorato diversi attori importanti tra cui Mariangela Melato. È stata sfiorata la chiusura dal 1992, da allora la direzione artistica è affidata a Marco Bernardi, regista tra l'altro di questa rappresentazione de Il Malato Immaginario.

Il protagonista di questa commedia è Argan, un vecchio signore risposato che vive con le due figlie: Angelica, in età di matrimonio, e Luigina, ancora una bambina. La moglie, una bella e giovane donna, trama nell'ombra insieme al notaio, cercando di convincere il marito a lasciar a loro tutte le sue ricchezze. Personaggio molto importante della commedia è la serva Tonina, intelligente e astuta, molto legata ad Angelica e interessata a far sì che il padrone Argan non dia retta alla moglie e alle proprie idee bizzarre. Il nostro protagonista, nell'opera originale interpretato dallo stesso Moliere, morto poche ore dopo la quarta rappresentazione, è un uomo che possiamo definire ipocondriaco: è convinto di essere gravemente ammalato e per questo si è fatto circondare da medici e farmacisti che continuamente lo sottopongono a salassi e all'utilizzo di clisteri.

Argan è un uomo tutto d'un pezzo, guai a contraddirlo, pena sentirlo urlare innervosito, le uniche persone che lo affrontano in maniera diretta e che prendono in giro le sue paure sono il fratello e la sua serva Tonina. Entrambi giocheranno un ruolo chiave nel convincere Argan nel permettere il matrimonio della figlia Angelica con l'uomo che ama e nel fargli superare la sua malattia immaginaria.

È incredibile come dopo quasi 400 anni questa commedia sia ancora rappresentata con successo, i temi trattati seppur datati, in certi elementi, risultano nel complesso ancora attuali. È il tempo che dimostra il valore di un'opera, risulta sempre affascinante come lo scorrere del tempo lasci intatta una rappresentazione teatrale senza necessità di alcun tipo di adattamento.

Tra i diversi attori possiamo ricordare i tre più famosi Paolo Bonacelli, nell'ottima interpretazione del protagonista Argan (attore di cinema e di teatro, ricordiamo i film Cristo si è fermato ad Eboli, Non ci resta che piangere, Io speriamo che me la cavo nonché le rappresentazioni teatrali tra cui Sogno di Oblomovi, Terra di nessuno, La mandragora, Enrico IV); Patrizia Milan, nel ruolo di Tonina, nonché Carlo Simoni che interpreta il fratello di Argan.

È senza dubbio una commedia molto divertente che lascia spazio anche ad elementi di riflessione sui desideri e le angosce dell'uomo.

  

Teatro Quirino

via delle Vergini 7

www.teatroquirino.it

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.