Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


mercoledì 27 maggio 2020

  • MP News
  • Cultura

TEATRO - 'Ti amo, Maria'

Come reagireste se, dopo 10 anni, comparisse sul vostro pianerottolo il vostro 'ex' a dirvi che vi ama ancora?

07.10.2012 - Carlo Guglielmo Vitale



Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere

Oltre 800.000 mila spettatori in tutta Europa, oltre 700 repliche solamente in Francia, il 14 ottobre alle ore 21.00...
Leggi l'articolo

TEATRO - "The Women" al Teatro dell'Angelo

Dodici donne perse nella giungla del matrimonio e del tradimento.
Leggi l'articolo

TEATRO - "Una pelliccetta sfrangiata"

Al Teatro dell'Angelo, fino al 10 giugno, la commedia di Antonello Avallone.
Leggi l'articolo

TEATRO - "Terroni", 150 anni di menzogne

Al Teatro dell'Angelo fino al 17 febbraio. Una voce fuori dal coro, lontana da ogni cerimoniale, proviene dal teatro...
Leggi l'articolo

Il 2 ottobre è ripresa la nuova stagione del Teatro dell'Angelo con la commedia "Ti amo, Maria", interpretata da Antonello Avallone e Debora Caprioglio, per la regia di Giancarlo Fares.

Il testo di questo spettacolo è di Giuseppe Manfridi, che potete trovare integralmente sul sito ufficiale dell'autore, ed è stato portato in scena per la prima volta 10 anni fa da Carlo Delle Piane e Anna Bonaiuto.

La commedia divise in due atti e tutta ambientata su un pianerottolo, precisamente quello di Maria, sul quale i due ex "amanti" (nell'accezione etimologica del termine) si incontrano, discutono, litigano, si amano a un ritmo serrato di accuse e contro accuse, ricordi degli anni passati insieme...

Due attori per la prima volta insieme in questo spettacolo che è ironico ma tragico allo stesso tempo: Avallone assume il ruolo di Sandro, il protagonista, che non ha mai accettato di essere stato lasciato da Maria (D. Caprioglio). I due sono già stati insieme una seconda volta anni prima, ma niente da fare, Sandro non si è arreso mai; dopo anni da quell'ultimo tentativo decide di ritornare da lei e ritentare ancora una volta forse l'ultima. Una situazione che potremmo definire di stalking, ma solo a un primo sguardo: Maria infatti non sa dare una spiegazione razionale alla sua decisione di lasciare Sandro e se all'inizio la sua reazione alla vista del suo ex è molto aggressiva, pian piano la situazione muta fino quasi a ribaltarsi...

La scenografia è veramente ben fatta, anche se si potrebbe pensare che sia molto semplice essendo un pianerottolo: Red Bodó ha ricreato l'ambiente con un ascensore veramente realistico, con tanto di porte automatiche, utilizzato durante lo spettacolo. Un uso sapiente delle luci contribuisce a completare l'opera.

Nel complesso non possiamo che apprezzare la realizzazione, in particolare grazie all'interpretazione di Avallone; una commedia melodrammatica che affronta con sottile ironia il tema dell'amore che diventa malattia, ossessione. È un'opera che risulta leggera, adatta a un pubblico molto ampio. Certamente non è una commedia da ridere ma non è neppure di grande profondità, il giudizio complessivo è positivo: suggerita per chi vuole passare una serata a teatro con la certezza di non annoiarsi, di non dover affrontare dialoghi pesanti o complessi, e perché no anche di gustare un po' di ironia! Ideale magari dopo una settimana di lavoro e di preoccupazioni.

 

Ti amo, Maria

di Giuseppe Manfridi

con Antonello Avallone  e Debora Caprioglio    

Regia di  Giancarlo Fares

al Teatro dell'Angelo - Via Simone de Saint Bon, 19

dal martedì al sabato 21:00

la domenica 17:30

fino al 28 ottobre 2012

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.