Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


mercoledì 08 luglio 2020

  • MP News
  • Cultura

CALCIO – La Lazio termina il cammino in Europa League con una sola sconfitta

Fallisce la difficile rimonta contro il Fenerbahce. Duecento tifosi turchi ospiti della UEFA

15.04.2013 - Simone Di Tommaso



Storia dell’Africa contemporanea. Vol.III Inferno purgatorio paradiso

Un uomo si cala in una sorta di sarcofago. Una scultura nera. Una figura con la schiena inarcata. Un essere...
Leggi l'articolo

Pensi che ci saremmo potuti conoscere in un bar?

Una serie di racconti, intensi e vivi, dall'Europa dell'Est.
Leggi l'articolo

RECENSIONE - Il Coro di Santa Cecilia ed Europa Galante per un raffinato concerto barocco su musiche di Vivaldi

Orfana dell'orchestra in tournèe, la stagione continua con il virtuosismo settecentesco
Leggi l'articolo

MODA - Al via il Premio Dandy 2012

Dandy e volti noti insieme per rilanciare l'alta sartoria e il Made in Italy.
Leggi l'articolo

La Lazio esce con onore dell'edizione 2012/13 dell'Europa League. Il sogno della rimonta non si è purtroppo avverato. Il gol di Lulic a mezz'ora dalla fine aveva riacceso le flebili speranze del passaggio del turno. La doccia fredda arriva al 73' quando Erkin insacca il pallone dell'1-1, eliminando i biancocelesti dalla manifestazione.

In un Olimpico a porte chiuse risaltano i 200 tifosi turchi con cappellini, maglietta e bandiere: il Fenerbahce sfrutta i biglietti concessi della UEFA per gli ospiti VIP e fa entrare i propri tifosi più calorosi, che si faranno sentire a gran voce durante tutta la gara. Un atto poco sportivo che lascia sconcertati sul comportamento della UEFA, e che fa riflettere sul silenzio della FIGC nel difendere una propria società in Europa. La squadra guidata da Petkovic fornisce comunque una buona prestazione, mettendocela tutta per ribaltare il 2-0 subito nella partita di andata ad Istanbul. Tutto vano.

L'allenatore bosniaco schiera una formazione votata all'attacco, optando per l'inconsueto modulo 3-4-3: Biava, Cana e Ciani, Lulic, Ledesma, Hernanes e Radu, davanti Ederson e Candreva a supporto di Kozak, capocannoniere della competizione. La composizione della squadra è quasi obbligata. Le assenze di Mauri, Onazi, Alvaro Gonzalez e, soprattutto, la mancanza di forma di Miro Klose portano Petkovic a mandare in campo una squadra per certi versi inedita.
L'impresa si rivela difficilissima sin dai minuti iniziali. Il Fenerbahce è ben disposto in campo. L'allenatore Kocanam opta per una formazione votata più a contenere che ad offendere, in fondo deve solo difendere il risultato dell'andata e ringraziare l'arbitro Collum per aver indirizzato la gara in suo favore.

Il primo tempo rimane, comunque, di marca biancoceleste. I brasiliani Ederson e Hernanes sembrano in giornata di grazia, inventano giocate e provano a scardinare la difesa turca. Candreva, sulla fascia, impensierisce più di una volta la retroguardia dei turchi. Sono almeno tre le occasioni nitide per passare in vantaggio. Ma il gol che possa riaccendere la speranza non arriva.

Il secondo tempo si apre sulla scia del primo, con la Lazio sempre protagonista. Petkovic, al 56', butta nella mischia Klose. Dopo quattro minuti, la squadra biancoceleste passa in vantaggio con una gran gol di testa di Lulic, finalmente tornato ai livelli dello scorso anno, che sfrutta un cross al bacio di Candreva dalla destra. Il sogno sembra prendere forma. Petkovic ci crede e mette in campo anche Floccari per uno stanco Ederson. Tutti all'attacco alla ricerca del gol che può portare ai tempi supplementari. La fatica e il coraggio non vengono però premiati. Al 73' il Fenerbahce trova il gol del pareggio grazie a uno svarione difensivo dei biancocelesti. La partita si chiude praticamente qui, ma i biancocelesti continuano ad attaccare fino all'ultimo minuto.

Il sogno della Lazio di arrivare in finale si arresta di fronte al Fenerbahce, un avversario che all'inizio si riteneva abbordabile ma che si è rivelato piuttosto ostico, anche se non superiore. I biancazzurri lasciano il palco europeo dopo aver disputato un ottimo torneo. Ora la concentrazione rimarrà tutta su campionato e finale di Coppa Italia. A partire da lunedì 15 aprile quando con una squadra senza la difesa titolare dovrà affrontare l'altra delusa dall'Europa, la capolista Juventus.


Il tabellino
Quarti di finale di Europa League 2012/2013 - partita di ritorno
LAZIO-FENERBAHCE 1-1
Marcatori: 60' Lulic (L), 74' Erkin (F)

Lazio (3-4-3): Marchetti; Biava (56' Klose), Cana, Ciani; Lulic, Ledesma, Hernanes, Radu; Ederson (73' Floccari), Kozak (77' Rozzi), Candreva.

In panchina: Bizzarri, Gonzalez, Crecco, Cataldi. All. Petkovic
Fenerbahce (4-2-3-1): Demirel; Gonul, Korkmaz, Yobo, Ziegler; Sahin, Meireles; Kuyt, Cristian (73' Ucan), Erkin (87' Krasic); Webo (80' Mehmet Topuz).

In panchina: Gunok, Irtegun, Ali Kaldirim, Mehmet Topal, Krasic. All. Kocanam

Arbitro: Pavel Kravolec (CZE)

Assistenti: Roman Slysko (SVK), Martin Wilczek

IV uomo: Antonin Kordula

Assistenti aggiunti: Radek Prihoda, Michal Patak

Note: Ammoniti Ziegler (F), Cristian (F), Kozak (L), Erkin (L), Lulic (L), Klose (L)
Recuperi: 2' p.t., 3' s.t.

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.