Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


giovedì 22 agosto 2019

  • MP News
  • Cultura

CULTURA - Topolino “3000”

24.05.2013 - Francesco Silella



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

 

Pare che i toscani, nel bene o nel male siano destinati a cambiare la storia del nostro paese: Dante, Petrarca, Boccaccio, Leonardo, Lorenzo De'Medici, Machiavelli ecc.. Nel 1932 l'editore fiorentino Nerbini dedicò un periodico a Topolino, dopo che l'anno prima il personaggio creato dalla sapiente mano di Walt Disney e di Ub Iwerks fu candidato all'oscar . Nel 1935 la casa editrice Mondadori comperò il periodico e, nel 1949, decise di renderlo in formato tascabile. Proprio in quell'occasione, i nuovi "guru" della critica scrissero nel saggio de: "I Disney Italiani" pubblicato da N.Pesce che il nuovo formato avrebbe portato solo sventure al periodico dedicato al topo più famoso del mondo. Infatti, proprio su queste dichiarazioni, basate ovviamente su approfondite analisi di mercato e su questionari di gradimento al pubblico, le 80.000 copie stampate da Mondadori si esaurirono in pochissimo tempo dalla consegna nelle edicole.  Da quel momento iniziò una nuova epoca per la fumettistica. Topolino, con al timone "Collodi Nipote" (Carlo Lorenzini ndr.), si inserì nell'immaginario collettivo come  "immancabile" e, da allora, grandi e piccini non hanno più saputo rinunciarvi. Si contano le generazioni grazie alla numerologia dell'elencazione. Il numero "100" era del nonno, il "1000" del padre ed il "2000" del nipote. Mi viene da sorridere ripensando al mercoledì in cui mi recai in edicola per comprare il "Topolino" e scoprii, con mia grande sorpresa che eravamo arrivati al numero "2500". Era il 2003 ed avevo 15 anni. I fan possono tirare le somme della propria vita sui numeri del "Topolino". Accidenti, 3000 settimane e non sentirle per niente! Il numero 3000, gelosamente custodito sulla mia scrivania mi riporta a tanti ricordi. Ritornare a quando non si aveva la vergogna di aspettare che tutti fossero usciti dall'edicola per chiedere "topolino" o di quando non lo si nascondeva tra le pagine di qualche altro giornale preso per la mamma. Queste storie ci hanno sollevato nei momenti tristi, ci hanno rassicurato quando avevamo preso brutti voti a scuola o litigato con un amico. Ci hanno distolto dai problemi di sempre e ci hanno fatto compagnia nonostante non ce lo meritassimo sempre. Ci hanno involontariamente consigliato la cosa giusta da fare e, mi piace pensare che, da qualche parte, nel Calisota (fusione tra CALIfornia e mineSOTA ndr) c'è un posto dove il tempo non è mai trascorso dove tutti possiamo ritornare bambini e, in attesa di quel giorno, riapriamo quello scatolone che, in fondo, non avevamo mai chiuso.

 

TANTI AUGURI e altre 3000 di queste settimane insieme !!!!!

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.