Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


domenica 09 agosto 2020

  • MP News
  • Cultura

RECENSIONE: Carnot 'Come fai a cambiar pelle?'

15.07.2013 - Arianna Caporalini



Giulio Cesare. L’uomo, le imprese, il mito

L’arte sale in cattedra ad insegnare la storia. Un percorso monografico alla scoperta del “dictator” romano:...
Leggi l'articolo

LIBRI - Prog 40

Quarant'anni di progressive-rock nel mondo.
Leggi l'articolo

MOSTRE - Antoniazzo Romano, pictor Urbis

A Palazzo Barberini la prima monografica dedicata ad un grande protagonista del Rinascimento romano.
Leggi l'articolo

Hai un sogno migliore? Mi spiego…Hai una idea, un chiodo fisso, una ossessione, una maledizione intellettuale che vorresti realizzare, per la quale faresti carte false e ti faresti largo a spallate? Ma si dai…non mentire, tutti ce l’abbiamo. C’è chi ha dei bisogni lascivi e oscuri, chi si accontenta di poco e chi è biecamente e moralmente materialista e agogna solamente il denaro e la ‘roba’.

Vuoi il successo? Vuoi il potere? Che cosa vuoi?

Anche i romani Carnot vogliono qualcosa ma si guardano bene dal dirci cosa li tormenta quando dopo aver urlato nel cuore della notte si svegliano ossessionati e ansimanti.

Forse sono dei volti e delle domande ad ossessionarli. I volti e le domande che si nascondono negli anfratti e nei riff del loro primo disco. ‘Come fai a Cambiar Pelle?’ stupisce più che per il suo rock da strada a metà tra Alice in Chains e Litfiba, quanto per le facce e le voci che emergono in ogni canzone. Tossici in ginocchio si maledicono nelle incedere deciso de ‘Il tempo perso’ mentre rimpiangono se stessi e ammirano i cowboys solitari che percorrono le vie assolate descritte nella ballad soffusa ‘Deserto’. Sirene lascive rapiscono col loro canto indy boys e bestie feroci intrappolandoli nella  giungla metropolitana romana fatta di asfalto e calore. Mentre gli amplificatori stridono e le chitarre si accavallano sudando, negli uffici si stringono le mani e trovano spazio anche i volti del mito; Icaro si inabissa cantando come un inno giunto dagli anni ‘70 le sue ‘Ali’ mentre gli fa compagnia nel suo schianto il Lucifero de ‘La Caccia’ maledetto dai suoi e condannato alla noia.

Un ‘Mammuth’ si trascina tetro e pesante in un negozio di lampadari urtando quel che gli capita e facendo l’occhiolino ai Kyuss ed ai Monster Magnet.

Tanti occhi, tante voci, e tante domande registrate con un gusto datato 90’s e mixato come un lavoro del nuovo millennio.

Mentre aspettiamo fiduciosi che nel prossimo lavoro ci diano qualche risposta vale la pena intossicarci e domandarci assieme ai Carnot: ‘Come si fa a cambiare la pelle?’

 

 

Voto: 7,5

 

  1. Il canto delle sirene
  2. A.S.C.
  3. Il tempo perso
  4. Via Flaminia
  5. Ali
  6. Mammuth
  7. Sun-tsu
  8. Il mio sogno migliore
  9. Akira
  10. Deserto
  11. La caccia

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.