Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 29 settembre 2020

  • MP News
  • Cultura

MOSTRE - 'Senza'

L'assenza fotografata. Scatti letti e fruiti.

06.10.2013 - Valeria Camilli



INTERVISTA ALL'AUTORE: Se Cade il mondo mi Sposto

Se cade il mondo mi sposto è un libro composto da otto racconti. Tutti ambientati a Roma e tutti dedicati a...
Leggi l'articolo

MOSTRE - Roma e l'acqua

Alla Biblioteca Mameli in via del Pigneto fino al 7 febbraio.
Leggi l'articolo

MOSTRE - Il mare fuori stagione

Rassegna fotografica alla Biblioteca Marconi per raccontare il mare d'inverno.
Leggi l'articolo


Senza amore, 2009

 

Senza amore, Senza cammino, Senza nutrimento, Senza conoscenza, Senza geografia, Senza destino, Senza radici, Senza parola, Senza volto.

Sono 9 i Senza di Alessandra Baldoni, fotografa e artista, in mostra alla Biblioteca "Enzo Tortora" a Testaccio fino al 9 novembre. 9 scatti fotografici nudi e puliti che in modo sommesso, ma potente, recitano l'assenza.

Senza indaga il senso profondo della mancanza, sondato nella pluralità delle sue manifestazioni: la perdita della persona amata (Senza Amore), la necessità dell'identità personale (Senza volto) e familiare (Senza radici), la dimenticanza delle parole e il silenzio (Senza parola), lo smarrimento culturale e valoriale (Senza conoscenza; Senza geografia), il disorientamento (Senza cammino; Senza destino), l'indifferenza (Senza nutrimento).


Senza volto, 2009

Nella selezione di scatti proposti, la Baldoni rappresenta "quello che non c'è" attraverso cose ordinarie, le quali, per effetto dell'assenza, sono rese ormai private, violate, mutilate. L'artista manipola e interpreta oggetti comuni per spogliarli dell'elemento quotidiano e per assegnare loro, attraverso una fotografia nitida e essenziale, un carattere metafisico e atemporale. Del resto, il contrasto volutamente creato tra soggetto e sfondo, restituisce allo spettatore l'oggetto nella sua dimensione plastica e fortemente evocativa, accentuandone l'aspetto simbolico a scapito di quello immediato e consueto. Inoltre, la collocazione dell'oggetto al centro dell'immagine nel rispetto delle sue proporzioni reali attribuisce al medesimo un'aurea quasi sacrale che trova un'ottima rispondenza nelle teche dell'allestimento presso la Biblioteca "Enzo Tortora". E, così, succede che chi guarda avverte la sensazione di essere trattenuto da una mano invisibile che, proveniente direttamente dal centro dell'immagine, impone una silenziosa lettura dei versi a corredo delle fotografie.


Senza parola, 2009

Perché, in effetti, l'idea di Senza non si esaurisce in scatti fotografici in set allestiti ad hoc, ma va ben oltre. Il lavoro artistico della Baldoni, infatti, ben inserendosi nelle tematiche di ricerca dell'arte contemporanea, trae ispirazione dalla letteratura e dal sogno e va all'esplorazione delle connessioni tra arte visiva e poesia. È, dunque, il continuo rimando di suggestioni letterarie e visioni artistiche ad alimentare il lavorio creativo della Baldoni che per raccontare i suoi Senza sceglie come didascalia di ciascuna immagine sparute rime di Notte di pace occidentale di Antonella Anedda.


Senza radici, 2009 "Dal buio al buio /per chi resta/ per chi ruota".

Proprio l'influenza reciproca di arte e letteratura nell'opera di Alessandra Baldoni ha suggerito alla curatrice della mostra, Maddalena Rinaldi e all'organizzatore dell'evento, Emanuele Merlino, l'idea di ospitare le fotografie di Senza nella Biblioteca comunale "Enzo Tortora" nel proposito di interessare un pubblico giovane e eterogeneo alla poesia e all'arte contemporanea. In tal senso, è significativa la disposizione delle opere al centro dei tavoli di studio, pensata per consentire un avvicinamento anzitutto fisico dell'arte al fruitore/spettatore, invertendone di conseguenza i ruoli: l'arte scende dai muri e si pone al centro dell'azione dell'utente, così da essere scoperta, fruita, goduta. Le opere della Baldoni in mostra, pertanto, si fanno strumento per il perseguimento di un intento direttamente pedagogico, volto a richiamare l'attenzione dell'utente, spesso spettatore inconsapevole. Infine, nel corso dell'esposizione, ispirati dalla medesima prospettiva, saranno organizzati incontri con l'artista, reading delle poesie e brevi rappresentazioni teatrali ispirate al tema di Senza.               

Senza
Mostra fotografica di Alessandra Baldoni

a cura di Maddalena Rinaldi
5 ottobre - 9 novembre 2013

dal lunedì-venerdì ore 10-19 sabato ore 9 -13
Biblioteca Enzo Tortora via N. Zabaglia 27 (Testaccio)

 

Trailer

Scritto e diretto da Emanuele Merlino
Interpreti: Giuseppe Calamunci Manitta

http://www.youtube.com/watch?v=1KKVMe3aG8k

Alessandra Baldoni è in mostra anche con Salva con nome, mostra a cura di Maddalena Rinaldi dal 5 ottobre al 30 novembre presso lo studio Vanna Casati a Bergamo.

 

 


'Senza' di Alessandra Baldoni



BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.