Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 19 agosto 2019

  • MP News
  • Cultura

Recensione Libro: Il danno!

Le persone danneggiate sono pericolose. Sanno di poter sopravvivere

11.12.2007 - Giulia Ardizzone



LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Il Festival di Urbino si apre con le Tarantelle del Rimorso interpretate da Pino De Vittorio

Sabato 18 luglio, alle 21.30, si apre la 47a edizione del Festival di Musica Antica
Leggi l'articolo

“Il Danno”, romanzo di una ferocia tutta naturale, è stato pubblicato nel 1991 da Josephine Hart , scrittrice irlandese trasferitasi a Londra negli anni sessanta dove ancora oggi si dedica ad attività editoriali e teatrali.

Questo breve libro è una fotografia dai colori eccentrici, un quadro di un paesaggio che nessuno noterebbe se non fosse per la cera calda e liquida che improvvisamente vi si rovescia sopra.
Un ritratto silenzioso della psiche umana portata ai limiti della comprensibilità…fino ad arrivare all’assurdo con toni pacati e molto inglesi.
Il nodo si stringe intorno ad una famiglia, che nulla ha di anormale, perfino quella sottile amarezza che si invischia in tutte le cose che funzionano bene, come ingranaggi automatici.
Ma la più antica e straordinaria sopravvivenza culturale che è la famiglia, all’interno della quale il benessere e l’equilibrio si diffondono come neve in inverno, manifesta ancora la sua primordialità nei rapporti di amore, dipendenza e dolore che possono mantenersi cosi accecanti solo nei lacci intricati di rapporti cosi vicini.
Una falsa e cortese gestualità mette in discussione ogni sentimento considerato ovvio.
Poi, arriva, la scintilla.


Una coppia di mezz’età realizzata, un figlio ed una figlia in procinto di far conoscere al mondo i loro talenti.
E tutto il contorno che farà il solletico alla funambola invisibile che custodisce tra le mani la storia di queste persone.
Ecco quindi l’arrivo improvviso di una donna misteriosa, terremoto nel piccolo mondo cadenzato del padre-marito assopito ormai da tempo, farà tremare tutte le radici delle persone a lui congiunte, fino al parossismo puro.
Fino alla morte della ragione, anche se proprio lei si è prostituita.
Tradimenti, delusioni, passati enormi e fagocitanti.
La mano femminile di J. Hart dà voce al colpevole, a colui che si infetta di “DANNO” e ne diventa portatore non sano.
Una conquista convulsa della vita solo attraverso la disperazione più acida.
Un sotto-sopra troppo realistico per poterci riflettere.
Una mente sconvolta che si racconta in centosessantasette pagine.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.