Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


sabato 26 settembre 2020

  • MP News
  • Cultura

MOSTRE - La biblioteca Infinita. I luoghi del sapere nel mondo antico

Fino al 5 ottobre al Colosseo

18.03.2014 - Alessandra Lorenzo



MOSTRE - Finalmente Vermeer!

Alle Scuderie del Quirinale fino al 20 gennaio
Leggi l'articolo

MOSTRE - Matisse Arabesque

Alle Scuderie del Quirinale fino al 21 giugno, oltre cento capolavori del pittore francese
Leggi l'articolo

MOSTRE - Giorgio Morandi 1890-1964

Al Vittoriano, fino al 21 giugno, l'intera vicenda artistica del pittore bolognese
Leggi l'articolo

MOSTRE - "Escher"

Ultimi giorni per visitare, al Chiostro del Bramante, la rassegna antologica dedicata al maestro olandese
Leggi l'articolo

I monumentali ambulacri dell'anfiteatro Flavio, arredati per l'occasione con le ricostruzioni di scaffalature su cui troneggiano volumina (fogli di papiro arrotolati su un cilindro) e codices (fascicoli di fogli di pergamena rilegati), fanno da incantevole e suggestivo scenario all'iter espositivo curato da Rossella Rea e Roberto Meneghini, che ha per oggetto l'evoluzione del libro e della lettura nel mondo romano e per obiettivo il voler evocare spazi e modi della trasmissione della conoscenza nell'antichità.
Grazie al particolare allestimento scenografico è immediato entrare nel clima quasi magico che doveva caratterizzare quegli antichi luoghi deputati alla cultura, intesi come complessi polifunzionali, centri di ricerca e di sperimentazione, in cui, oltre a cercare di catalogare e ordinare lo scibile umano, si teneva un vivo e costruttivo confronto culturale. Contrariamente alla concezione attuale, molto vicina al cliché delle antiche biblioteche ellenistiche, siti raccolti in cui il silenzio faceva da padrone, nelle biblioteche romane si leggeva ad alta voce, si discutevano concetti estrapolati dai testi, si ascoltava e dibatteva. E non solo, la diffusione degli auditoria destinati alla pubblica lettura doveva essere vasta e capillare, tanto che, grazie ad una ampia alfabetizzazione, accanto alle letture colte, ci fu lo spazio per lo sviluppo di una nuova letteratura di evasione.
Mappe e utili plastici rappresentanti le principali biblioteche dell'impero, documenti, ricostruzioni, ma anche strumenti e supporti scrittori che consentivano la scrittura, in una prima fase concepita come continua (con le parole legate le une alle altre, senza alcun segno di interpunzione) e successivamente resa più agevole grazie all'introduzione delle iniziali maiuscole.
Un percorso espositivo che fa sì riflettere con stupore sull'evoluzione e la raffinatezza della cultura romana, ma che inoltre mette in evidenza l'impietoso confronto con la situazione attuale: pur possedendo innumerevoli e potentissimi supporti per la lettura e per la diffusione della conoscenza, spesso non siamo in grado di farne l'uso che dovremmo.

Sede: Colosseo
Periodo: 14 marzo - 5 ottobre 2014
Orari: 8.30 - 16.30 dal 16 all'ultimo sabato di marzo; 8.30 - 18.15 dall'ultima domenica di marzo al 31 agosto; 8.30 - 18.00 dal 1 al 30 settembre; 8.30 - 17.30 dal 1 al 5 ottobre.
Chiuso 1 maggio.
Biglietti: intero € 12.00; ridotto €7.50 (lo stesso biglietto consente l'accesso al Colosseo, al Foro romano e al Palatino.
Informazioni e visite guidate: www.coopculture.it; tel. +39.06.39967700


FOTO - La Biblioteca Infinita. I luoghi del sapere nel mondo antico



BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.