Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 26 maggio 2020

  • MP News
  • Cultura

MOSTRE - Pasolini Roma

Imperdibile mostra, al Palazzo delle Esposizioni di Roma, sull'artista e intellettuale italiano

16.04.2014 - Alessandra Lorenzo



MOSTRE - "Il mio pianeta dallo spazio: Fragilità e bellezza"

L'Agenzia Spaziale Europea festeggia 50 anni con una mostra a Palazzo delle Esposizioni.
Leggi l'articolo

MOSTRE - "Meteoriti. Quando lo Spazio comincia."

Fino al 2 novembre, in mostra al Palazzo delle Esposizioni
Leggi l'articolo

MOSTRE - "Gli Etruschi e il Mediterraneo. La città di Cerveteri"

Fino al 20 luglio in mostra a Palazzo delle Esposizioni
Leggi l'articolo

MOSTRE - Mimmo Centonze

Al Palazzo delle Esposizioni una mostra curata da Vittoria Sgarbi
Leggi l'articolo

"Fuggii con mia madre e una valigia e un po' di gioie che risultarono false,
su un treno lento come un merci,
per la pianura friulana coperta da un leggero e duro strato di neve.
Andavamo verso Roma.
Avevamo dunque, abbandonato mio padre
accanto a una stufetta di poveri
col suo vecchio pastrano militare
e le sue orrende furie di malato di cirrosi e sindromi paranoidee.
Ho vissuto
quella pagina di romanzo, l'unica della mia vita:
per il resto - che volete -
sono vissuto dentro una lirica, come ogni ossesso."

Un emblematico punto di partenza che coinvolge immediatamente o, addirittura quasi brutalmente, il visitatore della mostra "primaverile" allestita negli spazi espositivi di via Nazionale. Siamo alla Stazione Termini ed è da qui che ha inizio, secondo un criterio cronologico, l'analisi del binomio Roma - Pasolini. Si tratta, a dire il vero, di un percorso durato 25 anni, di una passione, di un sentimento di odio e amore, di un legame difficile, fatto di contraddizioni, osservazioni e persecuzioni.
Pier Paolo Pasolini arriva a Roma nel 1950 e, subito, il triste aspetto dello straziante abbandono lascia spazio all'entusiasmo per la scoperta di una Roma che si presenta affascinante (siamo negli anni del dopoguerra), eterna. In pochi mesi ecco che Pasolini sviluppa la sua capacità di sapersi immergere in quei "milieu" popolari che attraevano la sua voglia, umana e letteraria, di investigare, si trova davanti una Roma piena di gente inusitata, grazie alla quale troverà la grande ispirazione per una carriera poliedrica. Pasolini, instancabile critico della società italiana e della sua evoluzione, scrittore, sceneggiatore, regista, impareggiabile artista in grado di trasformare in poesia anche le tematiche più spigolose. Ma anche, Pasolini amante del vero e della ricerca della verità ad ogni costo, intransigente sostenitore della lotta all'omologazione culturale, intesa come riduzione degli italiani ad un modello unico di comportamento, Pasolini coraggioso, ostinato e disprezzato.
Un iter emozionante che ha avuto un ottimo riscontro di pubblico già a Barcellona e a Parigi e che in autunno conquisterà, senza alcun dubbio, Berlino. Un progetto che racconta di Roma proprio dal punto di vista del poeta: immagini, fotografie, testi, lettere, filmati, disegni e molto altro materiale (in parte inedito) organizzato in sei sezioni ben strutturate, che, tappa dopo tappa, sorprendono e meravigliano il visitatore, quasi portandolo a trattenere il fiato fino alla notte della tragica scomparsa avvenuta ad Ostia nel 1975.
E, come di consueto, un ampio programma di eventi. Oltre al ciclo di incontri con esperti e testimoni d'eccezione (Ninetto Davoli, Dacia Maraini e altri), la luculliana rassegna cinematografica, quanto mai essenziale per approfondire i temi della mostra e per comprendere l'importanza del linguaggio del cinema pasoliniano, che attraverso una multiforme esperienza artistica, arriva a rappresentare una rivoluzione sconvolgente nel panorama dell'Italia del boom economico. Eccezionalmente, inoltre, due eventi musicali, concerti eseguiti dal vivo che permetteranno al pubblico di conoscere e apprezzare le canzoni di Pasolini e le musiche nel cinema pasoliniano.
Uomo straordinario e comune allo stesso tempo. Immortale. Pier Paolo Pasolini.


Pasolini Roma
A cura di Gianni Borgna, Alain Bergala, Jordi Ballò
Orari: domenica, martedì, mercoledì e giovedì: dalle 10.00 alle 20.00; venerdì e sabato: dalle 10.00 alle 22.30; lunedì chiuso
Costo del biglietto: Intero € 12.00; ridotto € 9.50 (Permette di visitare tutte le mostre in corso al Palazzo delle Esposizioni)
Informazioni e prenotazioni: tel. 06 39967500; www.palazzoesposizioni.it - www.pasoliniroma.com

 




BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.