collabora redazione chi siamo


venerdì 24 maggio 2019

  • MP News
  • Cultura

L'assurdo esistenzialismo: Ignoranza e divenire

Viaggio nella filosofia di Emil Cioran. L'estremo bisogno di attestare l'incoerenza dell'uomo

10.06.2015 - Martino Ciano



Socrate innamorato

La filosofia dell’amore? L’unica certezza è che non c’è nessuna teoria ma solo l’esperienza e la storia delle...
Leggi l'articolo

LIBRI - "Nel corpo del mondo - La mia malattia e il dolore delle donne che ho incontrato"

Dopo i Monologhi della vagina, Eve Eisler racconta il Tumore e i suoi Sogni
Leggi l'articolo

APPUNTAMENTI - Al Festival di Urbano la star è Bach

Rese leggenda da Gleen Gould negli anni '50, le Variazioni Goldberg vengono riproposte nella loro versione originale...
Leggi l'articolo

È stato un filosofo controcorrente che metteva da parte stile e metodo, ponendo al primo posto la propria esperienza. Emil Cioran è stato depredato da destra e sinistra ma la sua opera è anarchica. Scrive per se stesso, non per i suoi lettori o per coloro che dovevano giudicarlo. È questo che lo rese libero da condizionamenti.

Nichilismo e assurdo si uniscono nella sua opera che al centro pone l'uomo. Essere incoerente, in guerra contro Dio, contro il mondo, contro la sua specie. In uno dei suoi libri più significativi La caduta nel tempo, Cioran parla di tutti quei problemi esistenziali che la filosofia moderna ha abbandonato.

Parte dalle origini, dalla cacciata dall'Eden, da quell'atto di ribellione che mise in mostra la natura masochista dell'uomo. In principio l'uomo aveva la possibilità di vivere nell'immobilità del tempo, nell'ignoranza ma ha scelto il dubbio e il divenire.

Proprio così, il frutto dell'Albero della vita per Cioran non è sinonimo di Conoscenza ma di Dubbio, perché l'uomo non ha accesso al sapere in quanto schiavo di una storia cucitagli addosso da una felicità fallace. Non è una visione pessimistica quella di Cioran ma che si fonda sull'esperienza.

Finché si sta bene, non si esiste. Più esattamente, non si sa di esistere. Scrive Cioran. La malattia, non solo quella fisica, è per lui un mezzo che riconsegna l'uomo alla sua essenza primordiale, formatasi in quella masochistica scelta. Un'essenza che è scissa, plasmata sulle uniche due possibilità di espressione che l'uomo ha: negare e dubitare. Per Cioran condanna dell'uomo è il desiderio che insinua il dubbio, che porta alla ricerca. Conseguenza di una missione diabolica che l'essere umano ha scelto staccando il frutto che l'ha consegnato al dubbio e al divenire, in poche parole alla storia. Come può l'uomo liberarsi di tutto questo? Cioran non arriva a nessuna conclusione. Indica solo una possibilità: sperare che la storia finisca e che l'uomo trovi felicità in un'era senza più desideri. Ma questo potrebbe essere anche la sua condanna perché già in principio visse in quell'epoca di noiosa beatitudine, senza tempo, ma che egli rifiutò. Proprio in virtù di questa scelta, oggi  per l'uomo sarebbe una cacciata dal tempo e dalla storia. In poche parole, l'inferno.

E in questo ingranaggio assurdo del vivere senza fine e di un divenire senza certezza alcuna qual è soluzione? Già Albert Camus si poneva con cinismo questa domanda e iniziava così il suo saggio Il mito di Sisifo.

"Vi è solamente un problema filosofico veramente serio: quello del suicidio. Giudicare se la vita valga o non valga la pena di essere vissuta, è rispondere al quesito fondamentale della filosofia".

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.