Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


mercoledì 27 maggio 2020

  • MP News
  • Mondo

I talenti di X- Factor

06.05.2008 - Valentina Berdozzi



POPOLI- Cambiamenti climatici e immigrazione: cosa li lega?

Ecco perché i fenomeni migratori vengono causati sempre più da cambiamenti climatici che da guerre
Leggi l'articolo

MEDITERRANEO - Tunisia: un "Leone" come nuovo premier.

Chi è il nuovo Premier tunisino? Ce lo spiega Francesco Mangiola per MpNews
Leggi l'articolo

LATINAMERICANA - Rassegna Stampa

Nuovo appuntamento con la selezione delle notizie più importanti dal Sud America
Leggi l'articolo

EVENTI - Premio di ricerca “Scoprendo l’Azerbaigian”

Epoké Edizioni, in collaborazione con l’Associazione Italia-Azerbaigian, ha indetto il Premio di ricerca...
Leggi l'articolo

http://l.yimg.com/eur.yimg.com/i/it/any/lt/giudi1.jpgTrovare il talento nascosto in un cantante e fare di quel cantante una star internazionale: questa è la missione del nuovo talent-show di RaiDue, partito sulla seconda rete lo scorso 11 marzo. Ideato e realizzato in Inghilterra, dove ha ottenuto uno straordinario successo di pubblico e di critica, “X-Factor” è la gara di 15 cantanti che di volta in volta si esibiscono e “sottopongono” la loro esecuzione al giudizio di una giuria di tre giudici: la platinatissima Simona Ventura, con un occhio sempre fisso al mercato musicale e alla ricezione del pubblico, la viscerale Mara Maionchi, celeberrima produttrice discografica e scopritrice di talenti e l’eclettico Morgan, musicista ed ex leader dei BluVertigo, che aggiunge una nota di colore e personalità al contesto della puntata. Diversissimi e lontani tra loro, i tre giurati criticano, soppesano, valutano interpretazione e realizzazione dei brani, senza risparmiare lodi ammirate o pesanti no ai concorrenti in gara. Il loro giudizio è il perno della trasmissione, il loro parere quello che decide l’effettiva permanenza all’interno della “scuola accademia”: il termine di ogni puntata è segnata infatti da un ballottaggio che coinvolge due dei concorrenti in gara, uno solo dei quali potrà rimanere e continuare il suo viaggio, destinato ad approdare ad un contratto discografico milionario. A decidere, tra polemiche e sospiri, sono proprio i tre giudici, quelli che la reclame del programma collocava tra i concorrenti stessi ed il successo, che i protagonisti di questo talent-show cercano di raggiungere, passo per passo, di esibizione in esibizione, di canzone in canzone. Canzoni scelte dai giurati stessi e da loro “cucite” addosso ai singoli concorrenti, divisi in tre gruppi di appartenenza diversi: la Maionchi cura le esibizioni del gruppo dei giovani dai 16 ai 24 anni, la Ventura capitana gli over 25 mentre a Morgan sono affidate le esibizioni dei gruppi vocali. Ancora merito di Morgan e dei suoi giudizi è la vena critica che attraversa tutto il programma: scambi di opinioni musicali tra i giudici animano il contrasto tra le loro tre personalità assolutamente differenti per formazione, interessi, passioni musicali e metro di giudizio; poi posizioni diverse e diverse vedute sul come fare e intendere musica creano, di puntata in puntata, importanti confronti e spunti di riflessione, polemiche e punzecchiature tra i tre. Sale del programma ad anima dell’intero format sono, proprio, le critiche musicali che lo percorrono interamente; critiche eque, moderate, non eccessive o eccessivamente colorate; fatte, insomma, nel più totale rispetto della musica senza alcuna intenzione trash, folkloristica o da puro talk-show. E critiche che hanno permesso di capire ed addentrarsi in quella che è la dimensione e quelle che sono le opinioni dei giudici stessi ed i loro gusti. Ed è proprio per questo che i giornali hanno parlato di Morgan come la vera rivelazione di un programma, questo X- Factor italiano, partito non benissimo dal punto di vista degli ascolti; sulla scia dell’esperienza inglese, gli importatori del format speravano in ascolti più generosi e numerosi, nelle ultime puntate, comunque, in risalita. Ascolti che, seppur timidamente, sembrano ora premiare un programma di talento e fatto da talenti: alto il livello canoro dei partecipanti, buona la loro preparazione e belle le voci di alcuni di loro; particolari le esibizioni e variegata l’offerta musicale dei concorrenti che varia in diversi generi: dal rock al melodico al canto a cappella, ogni serata è musicalmente variegata da esibizioni diverse e particolari, curate nei dettagli e ricercate. Insomma, nell’attesa che a vincere sia una nuova Leona Lewis, trionfatrice della prima edizione made in UK, la buona musica e le canzoni continuano a battere, come recita il “conduttore” Facchinetti a conclusione di ogni puntata, sul Due.
BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.