Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 14 agosto 2020

  • MP News
  • Mondo

Darfur: al via i colloqui di pace a Doha, sponsorizzati da Lega araba, ONU e UA

La fine delle ostilità in Darfur sembra ancora lontana, ma l'impegno internazionale è più forte

16.02.2009 - Mauro Annarumma



Al via la missione italiana in Darfur

Dopo anni di indifferenza complice, anche l’Italia si appresta a dare il suo contributo alla missione congiunta delle...
Leggi l'articolo

AFRICA - E' morto Khalil Ibrahim, leader del principale movimento ribelle in Darfur

Khalil Ibrahim è stato ucciso in Sudan dalle truppe di Khartoum. Muore l'ideatore del "Black Book", il fondatore...
Leggi l'articolo

EVENTI/AFRICA: Rapporto Darfur 2012: resta alta la tensione in Sudan. Si teme lo scontro tra Khartoum e Juba.

Presentato il rapporto 2012 di Italians for Darfur Onlus. Si inasprisce lo scontro tra Juba e Khartoum, accorato...
Leggi l'articolo

EVENTI/AFRICA - Darfur e diritti umani nell'incontro dei giovani del PES con il Sen. Marcenaro a Palazzo Madama

Martedì 18 ottobre, una delegazione di giovani del Parlamento europeo degli Studenti ha incontrato il Sen....
Leggi l'articolo

Martedì 11 febbraio è stata inaugurata la prima sessione dei nuovi colloqui di pace tra il governo sudanese, rappresentato dall’ assistente del Presidente Omar Hassan Al-Bashir Nafie Ali Nafie, e il Justice for Equality Movement (JEM), guidato da Khalil Ibrahim che,  seppur  meno popolare rispetto al Sudan Liberation Army (SLM) di Minnawi e di el-Nour, è ritenuto il gruppo meglio armato nel maculato panorama della guerriglia sudanese.

L'incontro, il primo dal 2007 e dopo l'attacco alla capitale tentato dai ribelli del JEM l'anno scorso, ha avuto luogo al Doha Sheraton Hotel, in Qatar, ed è stato voluto da Lega Araba, Nazioni Unite e Unione Africana, in prospettiva di una eventuale e quanto mai auspicabile conferenza di pace.

A differenza di altre simili iniziative tenute in passato a partire dal 2003, allorquando gruppi armati del Darfur insorsero contro il despotismo discriminatorio del governo centrale di Khartoum, e preso atto del rifiuto di Abdel Wahed Mohamed Ahmed al-Nour, leader carismatico della parte di SLM che non si riconobbe più nello storico leader Minni Arcua Minnawi all'indomani della firma degli accordi di pace di Abuja nel 2006, le altre parti coinvolte nel conflitto non sono state invitate: la decisione, se da un lato mina la portata di un eventuale accordo tra JEM e Khartoum, dall'altro lato tenderebbe a semplificare le trattative con uno dei due principali gruppi armati del fronte ribelle.

Khalil Ibrahim chiede venga attribuito al proprio movimento un ruolo chiave nel governo del Sudan, lo smantellamento delle milizie governative e paramilitari alle dipendenze di Khartoum e l'integrazione dei propri uomini nelle forze regolari, la cessazione dei bombardamenti ai villaggi del Darfur e maggiori garanzie sulla effettiva distribuzione di aiuti umanitari e assistenza medica finora assoggettate al controllo e alla mediazione degli enti centrali.

Dopo l'iniziale entusiasmo per quella che appariva una prima positiva giornata di colloqui, le posizioni delle due parti si sono però irrigidite, a causa della denuncia delle ennesime operazioni militari governative nell'area del Jebel Mara, roccaforte dei ribelli.

A gettare ombre sull'ultima sessione dei colloqui è stata, ancor più, la notizia, diffusa dal New York Times ma smentita, secondo cui il Tribunale Penale Internazionale avrebbe deciso di dare via libera al mandato di arresto del Presidente sudanese, accusato dal Procuratore Capo Luis Moreno Ocampo di crimini di guerra. La decisione degli Alti Giudici della Corte Penale Internazionale si saprà tuttavia solo a fine mese, secondo le consuete ed ufficiali vie di comunicazione alla stampa. Voci e smentite che rientrano anch'esse nella difficile partita per la pace in Darfur.

 

Mauro Annarumma è Vice-Presidente di Italians for Darfur

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.