Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 10 aprile 2020

  • MP News
  • Mondo

Afghanistan: stupro della moglie legale per gli sciiti.

La minoranza sciita ottiene da Karzai il rispetto delle regole tradizionali: sarà legale la violenza sulle mogli che non acconsentono al rapporto sessuale.

01.04.2009 - Mauro Annarumma



Nella valle dello Swat, regno del Mullah Fazlullah

All’ombra delle grandi guerre, come quella in Afghanistan, nascono e si sviluppano battaglie minori, che, come...
Leggi l'articolo

Afghanistan: meno oppio, meno soldi per i terroristi

ASIA E PACIFICO. C'è un filo rosso che lega il terrorismo, la guerra in Afghanistan, la corruzione endemica del...
Leggi l'articolo

Gli errori della guerra al terrore e la questione afgana

La minaccia di al-Qaeda è ancora forte, la guerra al terrore ancora tutta da combattere. “War on terror” è...
Leggi l'articolo

La salute, emergenza afghana

  Le condizioni medico-sanitarie nel deserto delle mine  
Leggi l'articolo

Circola un detto tra gli occidentali in Afghanistan secondo cui, nel paese, l'affettività si esprima tra uomini, mentre alle donne spetti esclusivamente una funzione riproduttiva: "si fa l'amore con gli uomini e i figli con le donne". Per quanto l'omosessualità sia vietata dal codice penale afghano, le relazioni e i rapporti sessuali tra maschi non sono una rarità in Afghanistan.  E' più facile per un ragazzo afghano provare forti sentimenti di affinità e amicizia verso altri uomini, con i quali si trascorre quasi tutta la giornata, piuttosto che con la moglie, spesso "comprata" dalla famiglia all'età di 14 anni in cambio di una dote. E' la disponibilità economica dell'uomo, infatti, a stabilire quale ragazza egli possa sposare, e poiché il marito si fa carico del sostentamento di tutta la famiglia della ragazza, quelle più povere rischiano il disonore della solitudine. Nelle famiglie tradizionali afghane, la donna è un fantasma, un essere atto alla riproduzione e alla cura della casa. I figli, sin da piccoli, seguono il padre nelle sue attività lavorative e sociali, per cui anche il ruolo di madre viene ad essere limitato nel tempo e nello spazio,

La condizione della donna è più grave nelle comunità sciite del paese, tra il 10 e il 20% della popolazione, per le quali la Costituzione afghana del 2004 prevede che esse abbiano un proprio codice di famiglia, nel rispetto della legislazione tradizionale. In quest'ottica, il Presidente Hamid Karzai ha da poco firmato, secondo quanto denunciato dalla stampa inglese nel corso del summit internazionale all'Aja, delle "Istruzioni governative" destinate ai giudici locali. In sostanza, una norma che vieta alle mogli di famiglie sciite di rifiutarsi di avere rapporti sessuali, e di uscire di casa o andare a lavorare senza il permesso del marito, e che sancisce che la custodia dei figli è un diritto esclusivo del padre.  Il provvedimento sembra sia mirato ad ottenere, da parte del Presidente afghano, il consenso delle comunità sciite in vista delle elezioni presidenziali di agosto, ma la scelta sembra essere comunque di dubbia efficacia considerato l'astio che separa gli sciiti dai sunniti, la maggioranza del paese che elesse Karzai, sostenuto dalle democrazie occidentali, alle scorse presidenziali. Ora Karzai sembra stia tentando di riconfermare la sua carica alla guida del paese, con forti aperture ai tradizionalisti e con toni riconciliatori verso i talebani moderati, in linea con la nuova strategia Nato in Afghanistan.

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.