Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 25 maggio 2020

  • MP News
  • Mondo

Riunione internazionale dei rifugiati del Darfur

Nasce il coordinamento internazionale dei darfuri per la risoluzione della crisi in Darfur: no all’ingerenza straniera

20.09.2009 - Mauro Annarumma



Al via la missione italiana in Darfur

Dopo anni di indifferenza complice, anche l’Italia si appresta a dare il suo contributo alla missione congiunta delle...
Leggi l'articolo

AFRICA - E' morto Khalil Ibrahim, leader del principale movimento ribelle in Darfur

Khalil Ibrahim è stato ucciso in Sudan dalle truppe di Khartoum. Muore l'ideatore del "Black Book", il fondatore...
Leggi l'articolo

EVENTI/AFRICA: Rapporto Darfur 2012: resta alta la tensione in Sudan. Si teme lo scontro tra Khartoum e Juba.

Presentato il rapporto 2012 di Italians for Darfur Onlus. Si inasprisce lo scontro tra Juba e Khartoum, accorato...
Leggi l'articolo

EVENTI/AFRICA - Darfur e diritti umani nell'incontro dei giovani del PES con il Sen. Marcenaro a Palazzo Madama

Martedì 18 ottobre, una delegazione di giovani del Parlamento europeo degli Studenti ha incontrato il Sen....
Leggi l'articolo

www.flickr.com/photos/nite_owl/399846047Il conflitto in Darfur dura ormai da quasi sette anni.
Una crisi profonda, politica e militare, ma soprattutto una immane tragedia umanitaria, che ha coinvolto oltre tre milioni di persone, tra rifugiati, morti e sfollati, alla quale sembra non si riesca a trovare una via di uscita
Nonostante l'impegno profuso in questi anni da parte della comunità internazionale e, in particolare, degli attivisti e delle ONG della Save Darfur Coalition, della cui coalizione fa parte anche l'associazione italiana per i diritti umani Italians for Darfur ONLUS, i tentativi di pacificare l'area si risolvono spesso in sterili comunicati delle Nazioni Unite, mentre le diplomazie si affannano nella speranza di portare a termine difficili trattative e colloqui di pace.
La missione ibrida delle Nazioni Unite e dell'Unione Africana, che avrebbe rappresentato un efficace cuscinetto tra la popolazione e le milizie armate, con oltre 30.000 unità previste  tra peacekeepers e poliziotti, è ben lungi dall'essere operativa, insufficiente sia in termini di uomini, circa la metà di quelli pianificati, sia di mezzi di trasporto.
Dilaniato dagli interessi di interni ed esterni al Paese, il Darfur rischia quindi una lenta agonia.

L'8 settembre, ad Addis Abeba,  dieci rappresentanti dei rifugiati del Darfur, giunti da tutto il mondo, hanno presentato alla stampa il National Group for Correcting the Track of Darfur Crisis, una nuova organizzazione di rifugiati e profughi del Darfur che chiedono il rispetto dei diritti del loro popolo, senza l'uso delle armi, ma attraverso lo sviluppo, la trattativa e l'istruzione.
Nel comunicato, saltano all'occhio alcune dichiarazioni di denuncia dell'ingerenza straniera nella crisi in Darfur, che sarebbe finalizzata al perseguimento di propri interessi nazionali, divenendo essi stessi ostacolo alla pace nella regione.
Tale passaggio è stato ripreso e sottolineato dalla stampa sudanese, stranamente numerosa in sala,  che ne ha colto una chiusura verso la comunità internazionale,  la quale avrebbe esagerato la portata del conflitto in Darfur e ne avrebbe manipolato le sorti per coltivare propri interessi e per dividere il Sudan come l'Iraq e la Jugoslavia.

Parole forti, registrate dall'agenzia di stampa ufficiale del Sudan, la SUNA, e dal Sudanese Media Center (SMC), il cui sito si ritiene sia gestito dai servizi di intelligence governativi, la National Intelligence and Security Services (NISS). Gli esponenti della nuova piattaforma affermano che ribelli, traduttori e mediatori hanno da sempre esagerato le cifre delle morti e delle vittime di violenze dei janjaweed e delle forze militari governative.
A sei anni dall'inizio della crisi, fonti ONU hanno fissato a 400.000 le morti in Darfur, mentre il governo sudanese parla di massimo 10.000 civili uccisi nel corso del conflitto.
Una guerra, che nelle ultime settimane, il governo sudanese sembra voglia combattere anche sui media.

 

Mauro Annarumma è Vice-Presidente di Italians for Darfur ONLUS

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.