Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


sabato 04 aprile 2020

  • MP News
  • Mondo

Quale governo per il Libano?

Tentativo di compromesso tra la coalizione cristiano-sunnita ed Hezbollah

17.11.2009 - Valentina Berdozzi



Incontro al vertice tra Siria e Libano

MEDIO ORIENTE. Prima visita del presidente libanese Saad Hariri a Damasco  
Leggi l'articolo

Accuse pesanti: Hezbollah dietro l'omicidio di Hariri

Una fuga di notizie dal Libano svela i retroscena di un processo che si preannuncia decisivo per il destino del Paese...
Leggi l'articolo

POPOLI- Cambiamenti climatici e immigrazione: cosa li lega?

Ecco perché i fenomeni migratori vengono causati sempre più da cambiamenti climatici che da guerre
Leggi l'articolo

MEDITERRANEO - Tunisia: un "Leone" come nuovo premier.

Chi è il nuovo Premier tunisino? Ce lo spiega Francesco Mangiola per MpNews
Leggi l'articolo

MEDIO ORIENTE. Cinque mesi dopo le ultime elezioni democratiche, il Libano è chiamato a vivere una nuova sfida: tentare di formare un esecutivo che nasca dall'accordo tra la coalizione filo-occidentale cristiano-sunnita, vincitrice della tornata elettorale, e l'opposizione guidata da Hezbollah. Il delicato compito è stato affidato a Saad Hariri, Primo ministro incaricato, cui spetta il non semplice onere di guidare un esecutivo che conta 10 membri appartenenti al gruppo di opposizione sciita, 15 ministri provenienti dalle fila della coalizione cristiano-sunnita e 5 poltrone affidate a personalità scelte dal presidente stesso, politicamente neutrale.

Le sfide del gruppo dirigente così costituito, che lo stesso Hariri definisce come impegnative, riguardano soprattutto l'economia, la riforma amministrativa e l'attuazione di un antico progetto di privatizzazione rivolto ad alcuni servizi dello Stato. Per riavvicinare, sottolinea il Presidente designato, i libanesi alle istituzioni politiche e permettere loro di ritrovare quella fiducia nello Stato fin troppe volte evasa. L'obbiettivo principale e prioritario rimane però la lotta contro il terrorismo, la fine della corsa agli armamenti delle frange più estreme di Hezbollah e la definizione di una linea unitaria della coalizione di governo contro gli atti di violenza politica.

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.