Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 06 dicembre 2019

  • MP News
  • Attualità
  • Politica

Come chiudere la transizione italiana

Venerdì 7 dicembre si terrà a Scienze Politiche di Roma Tre un convegno sul tema. Anticipiamo la discussione con un dibattito all'interno della nostra redazione

04.12.2007 - Redazione



PD e PDL tanto fumo…

Sembrerebbe che il tanto agognato bipartitismo stia divenendo realtà, ma all’orizzonte dei due principali partiti...
Leggi l'articolo

Il palazzinaro di Stato consente la licenza d’abuso

Verrà proposto ad alcune Regioni un presunto piano per l’edilizia che costituirebbe l’ossatura di una riforma da...
Leggi l'articolo

Le Europee alle porte e la sconfitta annunciata

Il neo-segretario democratico sposa il progetto di una nuova alleanza europea di centro-sinistra, distinta dal Partito...
Leggi l'articolo

«Come chiudere la transizione italiana»: se ne parlarà a Roma Tre, nella Facoltà di Scienze Politiche, venerdì prossimo. Ne abbiamo discusso anche all'interno della nostra redazione. Nelle prossime pagine trovate le nostre idee, le proposte, le speranze per il futuro prossimo del Paese.

L’Italia e la transizione - di Lorenzo Biondi
È da ormai quindici anni che in Italia si parla di «transizione», di fine della Prima Repubblica e inizio della Seconda. I politologi dicono che la transizione si chiude quando un regime politico è riconosciuto come l’unico praticabile in quella situazione. Se c’è una crisi la si risolve all’interno delle strutture politiche ed istituzionali previste dal regime.
È chiaro che questo in Italia non succede: ad ogni «crisi» si parla di riforma delle regole del gioco, la soluzione non si trova nel sistema attuale. E questo in buona parte perché questa transizione da una Repubblica all’altra è nata incompleta, agendo sulla legge elettorale e non sull’assetto costituzionale.
Oggi lo stallo potrebbe interrompersi; la situazione politica che si è inaugurata con la nascita di nuovi grandi partiti in entrambi gli schieramenti, con l’approvazione della finanziaria al Senato, con la rottura delle coalizioni, potrebbe portare a quell’accordo che già due volte è fallito.
Riforma elettorale, riforma istituzionale, referendum, nuovo sistema dei partiti. Questi i temi sul piatto. A voi la parola.

pagina successiva

Leggi il programma dell'evento

 

Gli autori (in ordine di intervento)

Lorenzo Biondi - studente di Scienze Politiche, caporedattore Campus M'P

Paolo Ribichini - laureato magistrale in Scienze Politiche, collaboratore

Raffaele Saggio - studente di Scienze Politiche, coordinatore M'P on web

Vittorio Banfi - studente di Economia, collaboratore

Stefano Tretta - studente di Scienze Politiche, caporedattore Interni M'P

Pietro Parisella - studente di Scienze Politiche, caporedattore Esteri M'P on web

Dario Pasquini - dottorando in Storia contemporanea, caporedattore Interni M'P on web

Nicola Liguori - Direttore M'P

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.