Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 29 maggio 2020

  • MP News
  • Attualità
  • Società

Pacchetto Clima: l’Italia si oppone alle misure europee

Gli accordi internazionali in tema ambientale, in particolare quelli relativi alla riduzione delle emissioni dei gas serra, sono sempre di difficile approvazione e anche quando si raggiunge un compromesso l’attuazione concreta è tutt’altro che sconta

24.10.2008 - Carlo Guglielmo Vitale



Riapre dopo due anni la stazione Tor di Quinto

Due anni dopo l'omicidio di Giovanna Reggiani torna operativa la fermata della ferrovia Roma-Viterbo, ecco come si...
Leggi l'articolo

Lavavetri addio

Il sindaco Alemanno ha firmato il provvedimento anti-lavavetri con validità annuale, multa fino a 200 euro e...
Leggi l'articolo

L’impatto dei nuovi media sulla psiche

Da un recente sondaggio inglese emerge che un buon numero di persone soffre di ansia da disconnessione: valutiamo...
Leggi l'articolo

Piscine mondiali: riapertura con clausola

Riaperti provvisoriamente otto degli impianti posti sotto sequestro tra giugno e settembre, i quali però...
Leggi l'articolo

foto di Simone Puricelli
foto di Simone Puricelli

Il Pacchetto Clima proposto dalla Commissione europea è certamente molto duro e pesante per l'economia, soprattutto quella italiana, già in grave crisi, ma non e' neppure pensabile ignorare il problema climatico. Il cosiddetto pacchetto 20-20-20 prevede entro il 2020 una riduzione del 20% delle emissioni di gas serra, un aumento dell'efficienza energetica (quindi risparmio) del 20% e il raggiungimento della quota del 20% delle fonti rinnovabili. La Commissione europea ha disegnato diversi scenari per ogni Stato membro, che prevedono anche il costo derivante dall'applicazione del pacchetto: è proprio questo il nodo di discussione tra Governo e Commissione. La questione della diversità dei dati forniti dalle due parti è presto risolta: semplicemente, l'esecutivo italiano ha seguito la previsione più negativa dello scenario (ignorando i meccanismi di flessibilità) che costerebbe ben 18 miliardi di euro l'anno (1,14% PIL), ma che, invece, secondo la Commissione non costerà più di 12,3 miliardi.

Secondo il Governo, il costo che l'Italia dovrebbe sopportare sarebbe superiore rispetto al resto dei Paesi europei, soprattutto a causa di un'industria manifatturiera che avrebbe più difficoltà economiche. Il pacchetto europeo non verrà però modificato o rinviato, mentre è stata invece accettata la proposta del ministro dell'ambiente Prestigiacomo di istituire un tavolo tecnico per verificare i costi/benefici.

Il Parlamento europeo ha approvato il pacchetto con una raccomandazione (499 pro e 130 contro), sarà però il 3/4 dicembre il momento di approvazione formale. Vi è una forte volontà da parte degli Stati membri dell'UE di convalidare il pacchetto messo a punto, prima del summit ONU dell'11/12 dicembre che si terrà a Poznan.

L'obiettivo è essere da esempio e da traino per il resto del mondo.


BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.