Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


domenica 22 settembre 2019

  • MP News
  • Attualità
  • Società

Piscine mondiali: riapertura con clausola

Riaperti provvisoriamente otto degli impianti posti sotto sequestro tra giugno e settembre, i quali però dovranno superare l’esame della procura entro giugno. Resta per ora impregiudicato il profilo penale della vicenda

17.10.2009 - Pietro Marsicola



Mondiali di nuoto: medaglia d’oro per abuso edilizio a Giovanni Malagò

Roma, nuovi sequestri di strutture sportive e 30 indagati, tra cui l'ex presidente del comitato organizzatore dei...
Leggi l'articolo

Alemanno: “Le piscine vanno assolutamente riaperte”

Il sindaco irrompe prepotentemente nell'affare mondiali di nuoto e rivolgendosi alla magistratura chiede il ripristino...
Leggi l'articolo

Riapre dopo due anni la stazione Tor di Quinto

Due anni dopo l'omicidio di Giovanna Reggiani torna operativa la fermata della ferrovia Roma-Viterbo, ecco come si...
Leggi l'articolo

Lavavetri addio

Il sindaco Alemanno ha firmato il provvedimento anti-lavavetri con validità annuale, multa fino a 200 euro e...
Leggi l'articolo

Come era prevedibile e forse anche giusto, otto degli innumerevoli impianti sportivi chiusi per abuso edilizio nei giorni scorsi sono stati riaperti. I circoli riaperti sono: Il Cristo Re, l'Aquaniene, la Polisportiva Parioli Tiro a Volo, il Villa Flaminia, l'Agepi, l'Axa Immobil Sport, il Real Sporting Village e lo Sport 2000. Va chiarito subito che non si sta parlando di un amnistia generale: l'amministrazione capitolina dovrà infatti sanare entro il prossimo giugno la situazione dal punto di vista amministrativo delle strutture costruite in occasione dei mondiali di nuoto. Nel caso in cui ciò non dovesse accadere e i titolari dei circoli non avessero adempiuto ai propri obblighi, il sequestro tornerà pienamente valido.

Diverso il discorso per quanto riguarda gli altri circoli sequestrati: per il Salaria Sporting Village, il Gap New City, il Tevere Remo e il Flaminio Sporting Club si apprende che i lavori sarebbero stati compiuti su terreni con vincoli idrogeologici o archeologici per i quali è competente la Regione, la quale ha dato parere negativo al rilascio dell'avvio di un'eventuale sanatoria. Queste strutture infatti, oltre a non avere i permessi comunali, mancano anche di quelli regionali a proposito della tutela riservata ai luoghi in cui sono state fatte le nuove strutture e sottoposte a speciali vincoli. Sarà invece esaminata la settimana prossima la situazione dei circoli Città Futura, Roma 70 e Roma Team Sport in cui le opere erano ancora in fase di costruzione.

Intanto il deputato del Pdl Fabio Rampelli, membro della commissione sport e cultura alla Camera, denuncia il mistero delle "mancate indagini sulla misteriosa quanto discutibile città dello sport di Tor Vergata".

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.