Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 29 settembre 2020

  • MP News
  • Scienze e hi-tech

Mattoncini in movimento

27.06.2007 - Carlo Guglielmo Vitale



tutti noi, o quasi, da bambini abbiamo passato il
nostro tempo con i celebri mattoncini Lego:
spesso abbiamo seguito semplicemente le istruzioni
della scatola o altre volte abbiamo seguito
la nostra fantasia… Ci sono persone che non
hanno smesso di seguire questa passione, certamente non
più con l'interesse del gioco ma come hobby. In che senso?
Utilizzando la tecnica "a passo uno" o "stop motion" si
divertono nel creare veri e propri film: cortometraggi di
alcuni minuti che richiedono però molto tempo. La "stop
motion" è una particolare tecnica cinematografica che consente
di creare l'illusione del movimento di oggetti inanimati
(Lego in tale caso) attraverso la ripresa di singoli fotogrammi.
È molto lenta e faticosa come tecnica, pensate che
per ogni secondo di video sono necessari circa 10-15 immagini
e le differenze tra una scena e l'altra devono essere
minime (differenze di spostamento di 2 mm). Le fasi per
giungere al risultato finale sono però molteplici: proprio
come in un vero film si parte con la pre-produzione (sceneggiatura,
scelta delle scenografie e dei personaggi); la
produzione (le riprese dei singoli fotogrammi, spesso con
webcam che attraverso dei software riprendono fotogrammi
singoli); la post-produzione (inserimento di effetti sonori,
effetti speciali ottenuti tramite appositi software, montaggio
ed effetti di transizione, inserimento dei titoli). Come
vedete ci vuole moltissima pazienza e precisione, nonché
alcune capacità creative e cinematografiche. Una volta che
il filmato (spesso della durata di 5-10 minuti) è completo,
cosa se ne fanno gli autori? Ebbene esiste un sito internet
che si chiama brickfilms.com (brick in inglese significa mattoncino)
sul quale vengono pubblicati questi video. Ma non
finisce qui: il sito raccoglie una vera e propria community
che organizza concorsi cinematografici e per i neofiti offre
tutta una serie di consigli su tutte le fasi della produzione
dei cosiddetti brickfilms. Alcuni di questi cortometraggi
raggiungono un livello di qualità tecnica notevole: uno per
tutti è "Lego Grease", nel quale molti personaggi (più di
dieci contemporaneamente) si muovono a ritmo della canzone
del famoso musical; l'autore del filmato è riuscito a
calcolare al millimetro le posizioni da far assumere ai vari
personaggi seguendo la canzone originale di Grease. Ho
voluto provare personalmente a realizzare un brevissimo
sketch con la webcam e alcuni software, il risultato ottenuto
è stato gratificante nonostante la notevole pazienza da
utilizzare! Vi consiglio caldamente di visitare il sito
www.brickfilms.com e potrete vedere di persona ciò che ho
cercato di comunicarvi in queste righe!

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.