Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 28 settembre 2020

  • MP News
  • Scienze e hi-tech

Live Report: PJ Harvey incanta l’Auditorium

Più che un ritorno un rivelazione per la nuova anima dell’eclettica artista inglese, capace di catturare e stregare la platea della Sala Santa Cecilia in un concerto di rara intensità e bellezza.

16.03.2008 - Raffaele Saggio



Polly Jean stupisce ancora. Stupisce perchè come il Bowie dei migliori tempi plasma perfettamente la sua immagine, il suo ego, di fronte alle mille e inaspettate metamorfosi dell’anima.
Quella vista, ammirata e adorata lo scorso 10 Marzo all’Audiotorium è stata la PJ Harvey migliore che un fan, ma anche un osservatore attento e oggettivo, poteva mai aspettarsi.
Il recente lavoro dell’artista inglese White Chalk avete sorpreso moltissimi attenti ai lavori: data per spacciata dai più, la mai abbastanza eccentrica Polly ha saputo reinventarsi ancora una volta, facendo del pianoforte il nucleo centrale di una tabula rasa capace di spazzare via in un colpo solo i passati rockeggianti e dare vita ad un album che riscopre il dono della semplicità e della purezza.
Il main core dell’album è proprio il ritorno, la ricerca, di un sentimento puro, intimo, che sappia rimanere e conservare il suo smalto di fronte alle innumerevoli contaminazioni esterne. Questo nucleo, questa ricerca sono state perfettamente rappresentata nell’unica data italiana dell’artista inglese, cornice ideale per il nuovo percorso intrapreso da Polly Jean.
Tracce come Grow Grow Grown, The Devil hanno saputo infatti adattarsi subito all’atmosfera quasi magica che regnava nella sala Santa Cecilia. Pubblico attento, catturato, pronto all’esplosione non appena l’ultima nota si scioglieva nel primo applauso sincero. Difficile pensare ad un ambiente migliore per la nuova PJ Harvey che è sempre parsa a suo agio, anche quando ha adattato i brani passati ad una atmosfera che a prima vista poteva scoraggiare i riff soffocati di “To Bring You my Love” o le distorsioni di My Beautiful Leah.
E invece ogni traccia è stata, semplicemente, adattata e interpretata alla perfezione da Polly, che si è destreggiata perfettamente tra innumerevoli strumenti, suonandone spesso anche tre insieme con una naturalezza ma soprattutto una intensità che lasciano davvero poco spazio a critiche di alcun tipo.
Domenica si è visto come PJ Harvey vive la sua musica, la soffre, la fa sente scorrere nelle sue vene ogni giorno della sua esistenza, dando così luce ad interpretazioni capaci di aggiornarsi continuamente con l’esperienza di una vita vissuta sempre nella sua interezza e complessità.
E lei è una delle poche artiste che può permettersi di farlo. Non conta la sua bravura strumentale o vocale, tra l’altro sensazionale specialmente dal vivo, ma la sua autenticità che permette allora di apprezzare le piccole imperfezioni che pure ci sono state (e non poteva essere altrimenti visto che ha suonato da sola per più di un ore e mezza almeno 9 strumenti) proprio perchè vere e dovute ad una passione illimitata verso la propria arte.
Tutto questo è stato reso possibile, occorre sempre ricordarlo, solamente grazie al percorso intrapreso con l’ultimo lavoro. Questo percorso che guarda all’indietro ha saputo alimentare una forza endogena all’interno dell’anima artistica di Polly Jean che le ha permesso di vincere le critiche del passato e ignorare contaminazioni perverse, inaugurando così un nuovo iter artistico che fa nella ricerca di una dimensione, la più intima e autentica possibile, la sua missione principale.

Scratch my palms
There's blood on my hands

 

 

 

Scaletta
To Bring You My Love
Send His Love To Me
When Under Ether
The Devil
White Chalk
Man-Size
Angelene
My Beautiful Leah
Nina in Ecstasy
Electric Light
Shame
Snake
Big Exit
Down By The Water
Grow, Grow, Grow
The Mountain
Silence
-------
The Garden
Rid of Me
Water
The Piano
C'mon Billy
The Desperate Kingdom Of Love

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.