Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


domenica 26 gennaio 2020

  • MP News
  • Scienze e hi-tech

Jesu - Conqueror

06.03.2007 - Raffaele Saggio



Titolo: It's Not How Far You Fall, It's the Way You Land
Artista: Conqueror
Etichetta: Hydra Head
Anno d'uscita: 2007
Genere: Metal / Shoegaze / Elettronica
Voto: 7.5/10
Nebbia Tagliente. Bastano queste due, semplici, parole per definire Conqueror. Nebbia tagliente che infetta e conquista l’ascoltatore inerme. Che storcano pure il naso quei vecchi cari metalhead, fedeli al Justin Broadrick dei Godflesh o del debutto omonimo con i suoi Jesu. Lasciamoli parlare.

Noi nel frattempo impareremo ad apprezzare il nostro primo, freddo ascolto. Sbaglia chi giudica questo un esperimento easy-listening; qui si parla di evoluzione, di nuovi percorsi, di sfida ad un genere musicale “post” che ultimamente sembra aver perso la strada dell’innovazione.
Leggete il testo di Weightless & Horizontal, leggete e capirete il significato di questa sfida contro certi dogmi che, ormai, hanno totalmente intrappolato qualsiasi branchia della musica estrema contemporanea
(Try to lose yourself/ I'm way past trying/ I'm way past caring/ I'm way past hoping.")

Certo, chiunque può criticare quest’ insolito, inaspettato approccio sonoro degli Jesu. La distanza con il passato c’e’, questo senza dubbio.
Una distanza che pero’ ci permette di conoscere un Broadrick maggiormente riflessivo, diremmo anche autocritico verso un passato fatto di muraglie sonore. Giustamente l’artista inglese parla di questo come l’album in cui viene fuori la sua anima Pop. Ma attenzione, qui si parla di anima, di sentimento, la cornice sonora rimane totalmente alienante nel suo essere, e’ il modo di raccontare la sofferenza l’unica cosa che ha subito un vero cambiamento.

L'invito e' dunque quello di ripetere gli ascolti, cercando di individuare il filo sottile che collega ogni melodia al nuovo malessere esistenziale della band. Solo così saremo finalmente in grado di penetrare questa placida, soave malinconia figlia dell’ EP Silver ma soprattutto del migliore shoegaze (My Bloody Valentine, Ride).

Raccomandato solo a chi sa, veramente, ascoltare
BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.