Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 21 gennaio 2020

  • MP News
  • Scienze e hi-tech

Recensione: Terminator Salvation

Terminator senza Schwarzenegger, ma si può? A quanto pare si…

26.05.2009 - Alessandro Pangallo



Titolo: Terminator Salvation
Regia: McG
Cast: Christian Bale, Marcus Wright, Helena Bonham Catrter
IMDB: 75/100
Voto: 79/100

Il brand di Terminator, dal suo esordio con il primo film nel 1984, aveva finora prodotto tre film, una serie televisiva (the Sarah Connor Chronicles, apparsa anche su Italia 1 ma con scarso seguito di pubblico) e svariate apparizioni nel mondo dei videogames e dei fumetti. Nonostante l'ultimo capitolo uscito nel 2003 ponesse le basi per un seguito, era ancora da chiarire in che modalità sarebbero state riesumate le avventure di John Connor contro i robottoni con gli occhi a infrarossi, dato che il volto più rappresentativo dei primi tre film della saga, Arnold Schwarzenegger, era ed è tuttora impegnato a ricoprire la carica di Governatore della California.

 

Terminator Salvation è il primo capitolo di una trilogia ambientata in un futuro prossimo: dopo che il sistema informatico Skynet ha preso coscienza di se, riconoscendo il genere umano come una minaccia, è avvenuto il "Giorno del Giudizio": miliardi di persone sono perite in un attacco nucleare su scala mondiale lanciato dal sistema. Coloro che sono sopravvissuti combattono continuamente contro le macchine controllate da Skynet, e la loro unica speranza è la voce di John Connor,  l'unica persona che sembra avere una vaga idea di come ci si organizzi contro i robot, grazie alle sue precedenti esperienze narrate nei primi tre film e alle istruzioni a lui lasciate dalla madre su una cassetta. Parallelamente a quelle di Connor, si dipanano anche le avventure di Marcus Wright, un misterioso personaggio uscito da una base di Skynet il cui ultimo ricordo è la propria esecuzione capitale avvenuta pochi mesi prima del Giorno del Giudizio.

Dopo il visibile calo di qualità registrato nel terzo capitolo della serie, questa nuova trilogia parte decisamente con il piede giusto: Terminator Salvation mette sul tavolo dosi massicce di adrenalina e personaggi dal fascino dannatamente cafone, ma anche qualche colpo di classe non da poco, come i lunghi piani sequenza girati con la telecamera a spalla. Il tutto poi è condito di citazioni cinematografiche che faranno la gioia del pubblico dai gusti più sofisticati, anche se probabilmente saranno proprio coloro che sono alla ricerca di un buon pop corn movie a goderne maggiormente. Insomma, se volete una trama poetica e uno script elaborato chiaramente non è questo film quello che cercate, ma tutti coloro che vogliono un paio d'ore di sano intrattenimento avranno pane per i loro denti. Vedere un gruppetto di umani armati alla meno peggio attaccare in massa un robot con il mascellone è garanzia di divertimento e esaltazione. Vi esortiamo a unirvi alla Resistenza già nei cinema.

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.