Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


domenica 20 settembre 2020

  • MP News
  • Scienze e hi-tech

Disturbia

16.08.2007 - Alessandro Pangallo



Titolo: Disturbia
Uscita: 17 agosto 2007
Valutazione: 68/100
Valutazione IMDB: 73/10

Di solito, quando ci si avvicina ad un thriller che ha come protagonisti degli adolescenti, ci si aspetta uno di quegli slashing movies alla Scream, pieni zeppi di sangue e di personaggi desiderosi di farsi squartare da un momento all'altro mentre esclamano frasi da macho o urletti sgraziati.
Disturbia, pur avendo degli elementi da thriller e pur annoverando degli adolescenti tra i protagonisti, esula parzialmente da questo filone: ci sono dei morti, ma le telecamere non si annidano morbosamente nella posizione ideale per vedere quanti più schizzi di sangue possibile, e la dinamica delle uccisioni è più che altro lasciata all'immaginazione dallo spettatore, tant'è che spesso ci si chiede se ci siano stati davvero dei morti o semplicemente si stiano facendo delle supposizioni troppo affrettate.

La trama del film è quanto mai semplice da esporre: di ritorno da un viaggio, Kale (il protagonista) viene coinvolto in un incidente automobilistico in cui perde il padre. Un giorno, a scuola, un insegnante indisponente gli nomina il defunto genitore facendo scattare le ire del ragazzo, il quale colpisce al volto il docente. A questo punto Kale è costretto a passare tre mesi agli arresti domiciliari. Immaginate come vi sentireste con la prospettiva di passare l'estate a casa, senza computer, senza videogiochi, con tutti i vostri amici in giro a divertirsi e con l'impossibilità di superare il giardino di casa. È qui che Kale inventa un simpatico giochino, quello di spiare i vicini di casa, hobby che lo porta dapprima a conoscere la bella vicina Ashley (di cui ovviamente si invaghirà) e poi a nutrire dei sospetti verso l'altro vicino di casa, Robert Turner, che condivide delle caratteristiche con un serial killer ricercato dalla polizia.
Finiti gli spoiler sulla trama, arriviamo ai giudizi: se sono riuscito a raccontarvi in poche righe circa un'ora e dieci di film su un'ora e quaranta totale, vuol dire che gli eventi narrati sono proprio pochi (oppure che ho grandi capacità di sintesi, ma mi pare meno probabile…). Insomma, all'inizio del film non accade praticamente nulla, più che un giallo lo spettatore ha la sensazione di aver sbagliato sala e di essere andato a vedere una puntata di O.C. o di qualche similare, tale è la scarsità di eventi. In fondo, sarebbe anche vagamente strano che la vita di qualcuno che sta tutto il giorno dentro casa fosse una continua giravolta di circostanze. Tuttavia, grazie ad una buona sceneggiatura e soprattutto a delle musiche azzeccate non ci si annoia (quasi) mai, semplicemente ci si chiede "ma che cosa sono venuto a vedere!?!?".
In realtà, questo film è più che altro un'ottima prova per registi e sceneggiatori, i quali riescono nell'infausta impresa di rendere interessante una trama che di motivi di interesse ne avrebbe proprio pochi.

Più che di un film alla Scream ho avuto l'impressione di trovarmi a vedere la variante in giallo di Garden State (un film di Zach Braff uscito qualche tempo fa e molto apprezzato Oltreoceano, sebbene passato praticamente in sordina qui da noi), con la sua storiella d'amore, le sue inquadrature ben realizzate, una storia abbastanza credibile e una colonna sonora molto solida a fare da sottofondo.
Insomma, Disturbia non è proprio da buttare, ma non aspettatevi di andare a vedere un film tutto "botte - sangue - acido muriatico" perché rimarreste delusi.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.