Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


domenica 26 gennaio 2020

  • MP News
  • Scienze e hi-tech

Streamit: una IPTV rivoluzionaria

23.10.2007 - Carlo Guglielmo Vitale



immagine di Indra Galbo

Due settimane fa abbiamo iniziato a parlare del legame tra video e internet analizzando il sito rickyrecords.tv, continuiamo con un altro sito innovativo italiano: streamit.it. Ancora in fase iniziale ma già funzionante, Streamit possiede dei punti di forza rivoluzionari. E’ una IPTV vera e propria, ovvero una televisione via internet, ma non e’ questa la novità: video in hd con partenza immediata, nessun software da installare e fruibilità aperta ai possessori di PS3 e WII. Tutto sfruttando le potenzialità ancora inesplorate di Adobe Macromedia Flash, software di grafica mai utilizzato finora per programmare. La semplicità d’uso di Streamit è impressionante, infatti nella homepage è necessario selezionare la lingua dell’interfaccia (italiano o inglese) dopodiché appare subito a schermo intero la tv. La modalità di utilizzo è duplice: “on air” oppure “on demand”, ovvero trasmissioni in diretta dal palinsesto o già trasmesse. Un elemento nuovo è inoltre il tentativo di rendere i canali internazionali, fruibili da utenti di tutto il globo, indipendentemente dalla diversità di cultura e lingua. Sono presenti in questo momento 8 canali suddivisi per aree tematiche (News, Animazione, Musica, Sport, Sociale, Culturale), è previsto pero’ un forte incremento dell’offerta dal 2008, quando sarà attivata una community sul modello ormai consolidato di “Youtube”. Chiunque potrà creare un palinsesto, inserendo propri filmati o alcuni di quelli già presenti, condividerli, commentarli. Inoltre imprenditori, aziende ecc. potranno sfruttare questa tecnologia non solo per dar vita a propri canali, ma per e-commerce, sondaggi, video-conferenze e video-sorveglianza remota: Flash può piegarsi per impieghi diversi, grazie ad una programmazione molto flessibile. Si potranno anche realizzare canali a pagamento o riservati a membri iscritti (ad es. per e-learning). Si tratta dunque di una “materia grezza” tutta da modellare per una varietà infinita di scopi: risulta difficile inquadrare con certezza un sito appena nato, anche se già funzionante. Vedremo col tempo che forma prevalente assumerà: con un target ampio e possibilità enormi saranno gli utenti stessi a plasmare Streamit.it
BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.