Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


giovedì 27 febbraio 2020


MP story - parte IV: Cresce l'entusiasmo

06.03.2007 - Nicola Liguori



Meltin’ Pot si annunciava sin dalla sua nascita come un punto d’incontro di idee anche divergenti con contributi a firma di studenti. Siamo tutti concordi nel confermare la linea tracciata in anteprima.
Sono lieto di informare i lettori che la prima tiratura non solo è andata a ruba ma posso personalmente testimoniare che sono state innumerevoli le attestazioni di positiva accoglienza di un foglio che è andato a riempire un vuoto, pur tra le tante iniziative realizzate dalla nostra università.
Ho raccolto un plauso unanime riguardo al taglio, al contenuto e ai contributi lì pubblicati. A questo proposito mi corre l’obbligo di ringraziare quanti hanno collaborato alla faticosa realizzazione del giornale in tutti i suoi aspetti: scrittura, impaginazione, grafica, la ricerca degli sponsor, della tipografia, la distribuzione e l’immagine.

L’idea stessa di fare un giornale incentrato sul dialogo e sulla visione globale degli accadimenti del mondo che ci circonda ci ha portato a incontrare persone, realtà politiche, operatori di media (altri editori radio e televisioni locali) che oltre ad arricchire il nostro bagaglio di conoscenza e di cultura ci fa sperare che l’iniziativa avrà un successo costante e crescente.
A tanti, devo dire è piaciuto anche il titolo che abbiamo scelto per il nostro periodico. Al riguardo, tuttavia, occorre precisare che Meltin’ Pot è stato voluto perché nella sua prima accezione sta a significare il “crogiuolo”, il luogo cioè dove vorremmo invitare tutti a fondere opinioni, idee, visione delle cose e delle persone. Una fucina insomma dove elaborare speranze, passioni, parti di verità, certezze individuali e collettive.

Tengo pertanto a precisare che Meltin’ Pot - pur trattando di integrazioni sociali, dialogo interculturale e
simili – non sta assolutamente ad indicare l’omonima teoria sociale elaborata negli Stati Uniti che auspicava una mescolanza di individui di diversa estrazione culturale in un delimitato territorio quasi fosse un’insalatiera dove ciascun elemento pur mantenendo il proprio gusto si combinava ai differenti altri senza amalgamarsi. Teoria certamente superata che non è nostra intenzione difendere.
E questa dichiarazione a ciò valga una volta per tutte.
Ci auguriamo che il giornale continui ad essere accolto come la prima volta. Da parte nostra l’impegno di ospitare tutti e tutto nella salvaguardia del buongusto e con un occhio alla crescita di tutti nella conoscenza e nella capacità di leggere e interpretare gli eventi.

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.