Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


mercoledì 26 febbraio 2020


MP story - parte V: Uno strumento giovanile efficace

19.03.2007 - Nicola Liguori



Meltin’ Pot continua a rivelarsi uno strumento efficace a conferma dell’assioma che un’iniziativa intrapresa da giovani, diretta ai giovani e gestita da questi può avere successo. Va annotata in particolare la crescita di chi vi partecipa, e questa riguarda non solo i rapporti interpersonali ma anche le doti comunicative. Infatti c’è chi si è sentito stimolato a rivedere lo stile della sua scrittura o gli argomenti da trattare in maniera da rendere il suo lavoro più gradevole e professionale.
Sono constatazioni, osservazioni che si possono fare dopo aver visto all’opera i sempre più numerosi studenti che collaborano con il giornale. A questo proposito bisogna rilevare la profondità con cui i responsabili delle rubriche e delle iniziative collaterali, i singoli autori di contributi si adoperano con entusiasmo, con piena dedizione alle attività redazionali. Non si lesina sul tempo da dedicare; tutto si svolge in un clima di simpatia e allegria. Il risultato è che la macchina funziona. Ha superato il rodaggio e va avanti da sola.

Anche l’iniziativa collaterale che avevamo annunciato nel numero scorso, la trasmissione quotidiana “Meltin’ Pot on air” su Radio Alzo Zero si sta dimostrando un’altra esercitazione di professionalità varie, oltre che un ulteriore mezzo usato per esprimersi, confrontarsi e mettersi alla prova. La trasmissione va in onda puntualmente, ricca di contenuti sugli argomenti che variano ogni giorno. In più, i conduttori (gli studenti stessi) sembra abbiano esercitato da lungo tempo tale ruolo vista la scioltezza con cui si destreggiano con microfoni, dibattiti e interviste.
In ultima analisi ci siamo resi conto che il giornale e la radio sono in verità potenti strumenti che ci aiutano a sviluppare la capacità di relazione con gli altri, superando ansie e futili timori.
Non vi pare che tutto l’entusiasmo e la voglia di fare da soli sia un segnale, un sintomo della voglia dei giovani di fuggire da ciò che non è originale, contraffatto, manipolato? A me pare una vera e propria ribellione a tutto ciò che la società impone, che la politica ci vuol far credere, ci propina per vero, che i mezzi di comunicazione ci offrono come mercanzia dal consumo obbligato.
E’ questo forse il motivo per cui in redazione arriviamo numerosi, preparati, puntuali, con molte idee e ben articolate.

Concludendo tali considerazioni auspichiamo che il nostro giornale, gli sforzi per realizzarlo, le iniziative collaterali che lo accompagnano, rimangano sempre espressione della nostra libertà giovanile. Pertanto, sebbene consci che un mezzo di comunicazione possa essere appetibile a persone, gruppi o poteri più grandi di noi, faremo di tutto perché quanto abbiamo creato con le nostre mani sia lasciato alla nostra intraprendenza, non manipolato né strumentalizzato; come non permetteremo condizionamenti ideologici, né di farci appiccicare etichette di appartenenza o accuse di tendenziosità qualsiasi.
Ribadiamo infine la nostra linea: apertura, dialogo, confronto e accoglienza a chiunque.
Buona lettura,
Nicola Liguori

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.