Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


mercoledì 16 ottobre 2019

  • MP News
  • Multimedia

GIUSEPPE NEGLI ARAZZI DI PONTORMO E BRONZINO

07.06.2010 - Simone Di Tommaso




Agnolo Bronzino, Cosimo I de’ Medici con l’armatura, 1543

Il Palazzo del Quirinale è un vero e proprio scrigno di capolavori. Le opere d'arte raccolte al suo interno sono tra le più prestigiose al mondo. La collezione di arazzi, oltre duecentosessanta, è letteralmente straordinaria. Il pezzo forte è costituito da dieci dei venti panni istoriati con le 'Storie di Giuseppe', commissionati da Cosimo I de' Medici a partire dal 1545 per rivestire integralmente la Sala dei Duecento in Palazzo Vecchio a Firenze, dove attualmente si trova l'altra metà del ciclo.

La serie, i cui disegni preparatori furono realizzati dai maggiori artisti del tempo come Pontormo e Agnolo Bronzino, racconta la storia, di provenienza biblica, di Giuseppe, figlio prediletto di Giacobbe, detestato dai fratelli che lo invidiavano sia per l'amore che gli manifestava il genitore, sia per le sue doti di geniale maestro di oniromanzia, ovvero di interpretazione dei sogni. Venduto come schiavo, profugo in Egitto, Giuseppe seppe trionfare su tutte le insidie poste sulla sua strada, farsi valere agli occhi dei potenti, recitare un ruolo di primo piano nella gerarchia dell'impero faraonico ed essere così grande da perdonare i fratelli che lo avevano tradito e tentato di eliminare.

Ed ecco allora 'Vendita di Giuseppe', 'Lamento di Giacobbe', 'Giuseppe e la moglie di Putifarre', 'Giuseppe in prigione e il banchetto del Faraone', 'Giuseppe prende in ostaggio Simeone', 'Convito di Giuseppe con i fratello', 'La coppa di Giuseppe ritrovata nel sacco di Beniamino', 'Giuseppe trattiene Beniamino', 'Il Faraone accetta Giacobbe nel regno', 'Sepoltura di Giacobbe'. Ogni arazzo rappresenta un singolo episodio, che viene spiegato in tutti i suoi particolari. Il risultato prodotto dalla manifattura di Firenze è favoloso. Parlare di capolavori è quasi riduttivo.

"La dinastia medicea - racconta il curatore della mostra Prof. Louis Godart - amava la storia di Giuseppe; l'immagine di un eroe mite e probo, capace di sfuggire agli invidiosi, di conquistare una posizione importante partendo dal nulla e contando solo sulle sue qualità intellettuali era una vera e propria metafora delle alterne fortune della grande famiglia fiorentina. Attraverso la realizzazione di una serie di venti arazzi la corte dei Medici volle quindi che fosse raccontata la storia dell'eroe biblico, le cui vicissitudini tanto somigliavano alla loro saga dinastica".

Il ciclo tessile è accompagnato, nel percorso espositivo, da olii su tavola, bronzi, disegni e manoscritti, prestati per l'occasione da importanti musei italiani ed esteri, come la Galleria degli Uffizi di Firenze, la Galleria Borghese di Roma, la Biblioteca Reale di Torino e il Museo dell'Ermitage di San Pietoburgo

La visita alla mostra è assolutamente consigliata. Il visitatore rimarrà quasi attonito e senza parole dinanzi ad arazzi di formidabile fattura e di fronte agli ambienti del Palazzo del Quirinale, caratterizzati da stucchi d'oro, immensi lampadari di cristallo e mobili di ogni genere.

 

Dal 29 aprile al 30 giugno 2010

Palazzo del Quirinale, Galleria di Alessandro VII - Piazza del Quirinale, Roma

Aperto dal martedì al sabato dalle 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 18.30. Domenica dalle 8.30 alle 12. Lunedì chiuso.

Ingresso libero dal martedì al sabato. Biglietto di € 5 la domenica con visita al Palazzo.

www.quirinale.it

www.comunicareorganizzando.it

 

 


GIUSEPPE NEGLI ARAZZI DI PONTORMO E BRONZINO



BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.