Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


mercoledì 30 settembre 2020

  • MP News
  • Sport

Ilya & Emilia Kabakov – The blue carpet

fino al 5 aprile 2010

10.02.2010 - Simone Di Tommaso



CALCIO - Una Roma spavalda mette alle corde il Palermo

Tre gol in mezz'ora (Pjanic, Florenzi e Gervinho) e gara in discesa. Chiude con una doppietta l'attaccante ivoriano
Leggi l'articolo

CALCIO - Lazio-Frosinone 2-0. Le pagelle biancocelesti

Gara bloccata per 80 minuti, quando Keita, subentrato a Kishna, segna con un destro d'autore. Il raddoppio di...
Leggi l'articolo

CALCIO - Alla Lazio il primo derby regionale contro il Frosinone

Terza vittoria consecutiva per i biancocelesti che raggiungono il terzo posto in classifica. Keita man of the match
Leggi l'articolo

CALCIO-UEL – Lazio-Saint-Étienne 3-2. Le pagelle biancocelesti

Al 6' difesa ferma sul colpo di pancia di Bayall Sall. Pari di Onazi al 38', 2-1 di Hoedt al 48'. Biglia sigla il 3-1,...
Leggi l'articolo

  "The Blue Carpet" è un'opera storica di Ilya ed Emilia Kabakov, grandi artisti russi della contemporaneità, che riempe un'intera sala del Macro.

L'opera, come suggerisce chiaramente il nome, è composta da un enorme tappeto blu, sul cui perimetro gli artisti hanno scelto di collocare una serie di piccoli quadri.

Lo spettatore, entrando in questo luogo protetto e in penombra, non solo avverte il senso di una tranquillità silenziosa e raccolta, ma può anche prendere possesso di questo ambiente stendendosi nel mare di pensieri che può evocare.

Ilya Kabakov è nato a Dnepropetrovsk, in Unione Sovietica, nel 1933 e, dopo aver fatto parte per molti anni di un gruppo di artisti concettuali di Mosca, ha iniziato a collaborare nel 1988 con quella che sarebbe divenuta sua moglie, Emilia. Le loro installazioni di carattere prevalentemente utopistico parlano molto delle condizioni della Russia nel Post-Stalinismo e della condizione dell'uomo in chiave universale.

"Quello che amo di più - afferma l'artista Ilya Kabakov - è sdraiarmi sulla schiena e guardare in alto; le pareti della stanza scompaiono e l'immaginazione mi fa volare... Una volta ho visto altri che amano fare quello che faccio io. In una cartolina colorata ho visto una moltitudine di persone all'intero di una moschea di Istambul...stavano sdraiati nelle posizioni più varie su un enorme tappeto che sembrava una piscina blu e con uno sguardo sognante guardavano in alto".

L'installazione è spettacolare nella sua semplicità. Essa riesce nell'intento di coniugare le più diverse sensazioni: quiete, intimità, sogno e momento creativo. Il visitatore è portato ad entrare in una nuova realtà dove riflettere e immaginare senza alcun tipo di fretta.

 

Dal 23 gennaio al 5 aprile 2010

MACRO, via Reggio Emilia 54 - Roma

Dal martedì alla domenica dalle 9 alle 19. Lunedì chiuso.

Ingresso: intero € 4,50 - ridotto € 3

www.macro.roma.museum

Le altre mostre del MACRO:

Roommates. Valentino Diego/Pietro Ruffo

La nostra era avanguardia

Oscar Savio - Architettura in bianco e nero

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.