Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


sabato 18 gennaio 2020

  • MP News
  • Sport

JEAN-AUGUSTE-DOMINIQUE INGRES / ELLSWORTH KELLY

Villa Medici ospita, fino al prossimo 26 settembre, una mostra che riunisce due grandi protagonisti della storia dell’arte: uno contemporaneo e l’altro dell’Ottocento

05.07.2010 - Simone Di Tommaso



CALCIO - Una Roma spavalda mette alle corde il Palermo

Tre gol in mezz'ora (Pjanic, Florenzi e Gervinho) e gara in discesa. Chiude con una doppietta l'attaccante ivoriano
Leggi l'articolo

CALCIO - Lazio-Frosinone 2-0. Le pagelle biancocelesti

Gara bloccata per 80 minuti, quando Keita, subentrato a Kishna, segna con un destro d'autore. Il raddoppio di...
Leggi l'articolo

CALCIO - Alla Lazio il primo derby regionale contro il Frosinone

Terza vittoria consecutiva per i biancocelesti che raggiungono il terzo posto in classifica. Keita man of the match
Leggi l'articolo

CALCIO-UEL – Lazio-Saint-Étienne 3-2. Le pagelle biancocelesti

Al 6' difesa ferma sul colpo di pancia di Bayall Sall. Pari di Onazi al 38', 2-1 di Hoedt al 48'. Biglia sigla il 3-1,...
Leggi l'articolo


ELLSWORTH KELLY - 2009 -

 

Ancora una volta l'Accademia di Francia di Villa Medici si conferma uno dei migliori centri culturali della città di Roma dedicati all'arte contemporanea. L'ultima occasione è l'apertura di una grande mostra dedicata a due artisti profondamente diversi, appartenenti ad epoche culturali distanti, che hanno, contrariamente a quanto si possa pensare, molti aspetti in comune: si tratta di Jean-Auguste-Dominique Ingres ed Ellsworth Kelly.

Il primo è un artista vissuto tra la fine del '700 e la prima metà dell'800 che ha dominato la storia della pittura francese, diventandone una delle figure più rappresentative e importanti. Rappresenta, poi, la storia della stessa Accademia di Francia, essendo stato, dapprima, un semplice borsista, e, in seguito, direttore. L'altro, Kelly, nato negli Stati Uniti nel 1923, è uno dei più grandi artisti viventi. Esponente dell'astrazione sin dagli albori del suo lavoro, si trova sulla scena internazionale da più di sessanta anni. Le sue opere hanno fatto scuola e sono tra le più ammirate nei migliori musei del mondo. Ebbene, queste due figure sembrano, a prima vista, lontanissime e agli antipodi. Così non è. E questo è ciò che vuole sottolineare l'esposizione appena inaugurata, presentando gli aspetti inerenti al lavoro di Ingres che si individuano e si pongono all'origine delle opere di Kelly.

Il primo aspetto è quello del rapporto con i contorni e la forma. Ingres dipingeva come se fosse insieme pittore e scultore, la sua attenzione era tutta rivolta alla forma dei personaggi. L'artista americano è ossessionato, a sua volta, dal contorno e lo accentua al massimo livello. Il linearismo di Kelly è facilmente individuabile, infatti, nelle 'Curves', le opere realizzate nel corso degli ultimi anni. Il secondo aspetto è caratterizzato dalla serialità e dalla ricerca della giusta forma. I disegni di Ingres sono spesso il pretesto per l'osservazione più accurata. Le figure sono studiate alla perfezione e le singole parti sono, talvolta, ripetute numerose volte. Anche Kelly procede in modo seriale, ricercando l'opera formalmente giusta e autonoma rispetto al mondo esterno. Il terzo e ultimo aspetto riguarda la dicotomia tra frammentazione e unità. Entrambi gli artisti posseggono un'incredibile abilità nell'efficacia visiva che convive, tuttavia, con una costruzione ottenuta dalla somma di parti diverse, le quali conservano, però, una leggibilità individuale. Il percorso della mostra è concepito congiuntamente dallo stesso Ellsworth Kelly e dal direttore dell'Accademia Èric de Chassey, che in questa occasione assume anche le vesti di curatore. La prima sala espone tre ritratti di Ingres, tra cui quello di Jean-Baptiste Desdéban dipinto proprio a Villa Medici, che si confrontano la tela di Kelly 'Blue Curves', opera monocromatica il cui oggetto è una figura curvosa di colore blu. Le tre sale successive sono tutte dedicate all'artista americano e trova spazio l'intera serie 'Curves', sei rilievi monumentali la cui composizione quasi identica varia a seconda dei colori. Seguono poi alcuni disegni di Ingres, caratterizzati da meticolosità e ricerca di perfezione.

L'ultima sala ospita una ventina di disegni di Kelly, la maggior parte dei quali realizzati negli anni '40, provenienti da collezioni private ed esposti per la prima volta. Anche in questo caso la maestria dell'artista lascia senza fiato. La qualità di alcuni ritratti, realizzati con linee marcate e allo stesso tempo accennate, è superlativa. La mostra, molto interessante e ben fatta, è, senza dubbio, da consigliare.

Dal 20 giugno al 26 settembre 2010

Accademia di Francia - Villa Medici, viale Trinità dei Monti, 1 - Roma

Aperto dal martedì alla domenica, dalle 11 alle 19. Lunedì chiuso.

Biglietto: intero € 8 - ridotto € 5

www.villamedici.it

 




BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.