Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 28 settembre 2020

  • MP News
  • Sport

Fish Tank

Un'educazione sentimentale nella periferia inglese

16.08.2010 - Valentina Ariete



EVENTI - "Scout, Heart Of Football", Torneo Lazio Cup e Premio Maestrelli

Oggi nella Sala Giunta del Coni alla presenza di Giovanni Malagò e Andrea Abodi. Testimonial del Torneo Danilo...
Leggi l'articolo

CALCIO - Una Roma spavalda mette alle corde il Palermo

Tre gol in mezz'ora (Pjanic, Florenzi e Gervinho) e gara in discesa. Chiude con una doppietta l'attaccante ivoriano
Leggi l'articolo

CALCIO - Lazio-Frosinone 2-0. Le pagelle biancocelesti

Gara bloccata per 80 minuti, quando Keita, subentrato a Kishna, segna con un destro d'autore. Il raddoppio di...
Leggi l'articolo

CALCIO - Alla Lazio il primo derby regionale contro il Frosinone

Terza vittoria consecutiva per i biancocelesti che raggiungono il terzo posto in classifica. Keita man of the match
Leggi l'articolo

Titolo: Fish tank
Regia: Andrea Arnold
Cast: Katie Jarvis, Michael Fassbender
IMDB: 7,5/10
Voto: 75/100

Mia ha 15 anni, è stata espulsa da scuola per il suo comportamento antisociale e il suo unico interesse è il ballo. Il padre ha preso il volo da tempo, la madre, Joanna, è un'alcolizzata che fa entrare chiunque nel suo letto e la sorellina piccola, Tyler, parla come uno scaricatore di porto. Nessuno si accorge di lei, nessuno le dà attenzione. L'affetto non sa nemmeno che cosa sia. Quando nella sua vita irrompe Connor, l'ultimo compagno della madre, gentile, disponibile e pieno di attenzioni, Mia si affeziona subito all'uomo, il primo che le abbia mai mostrato attenzioni e cura. Ma non sempre il principe azzurro è senza macchia come sembra. Fish tank ci proietta immediatamente in una realtà grigia e frustrante, un mondo in cui la violenza è il pane quotidiano e la vita sulla strada è dura e precaria. Mia non ha niente, non ha affetti, non ha un padre, non ha un futuro: ha solo il ballo, con cui riesce a sfogarsi e con cui può prendere coscienza del suo corpo adolescente ancora inesperto ma già ferito. Il ballo diventa l'unica via di salvezza di fronte alla deprimente realtà: ballo che però rimane un piacere privato, segreto, non mostrabile in pubblico. Il rapporto che si instaura tra Mia e Connor all'inizio sembra sincero, puro, è come se Mia avesse finalmente trovato una figura paterna pronta a darle un po' di disciplina. Ma due mondi troppo diversi sembrano destinati a non amalgamarsi mai veramente e a rimetterci è sempre chi si trova nella condizione più svantaggiata. La regista Andrea Arnold racconta il tutto con mano sicura e cruda, senza fronzoli, senza facili pietismi, senza fastidioso buonismo: la sua storia è vera, brutale, sincera. Così come la sua perfetta protagonista, l'esordiente Katie Jarvis, che sembra realmente un volto preso dalla strada: acerba ed arrabbiata, in cerca di amore e allo stesso tempo violenta. Un esordio davvero sorprendente. Perfetto anche Michael Fassbender (visto recentemente in Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino) affascinante e ambiguo allo stesso tempo. In un racconto che sembra raccogliere l'eredità di Ken Loach (e l'attrice Kierston Wareing, che interpreta la madre di Mia, protagonista di In questo mondo libero proprio di Loach ne è la testimonianza) possiamo vedere uno spaccato quotidiano che commuove senza lacrime ed appassiona lavorando per sottrazione.

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.